Diritti Tv, Zazzaroni: “Il 13 luglio potrebbe spegnersi il calcio”

0
321

Ivan Zazzaroni nel suo consueto articolo per il Corriere dello Sport di cui è direttore, affronta il tema dei diritti Tv per il calcio legato al rinnovato scontro fra Sky e la Lega Serie A sulla rata che l’emittente deve ancora versare ai club, relativa al periodo di lockdown.

Numerose ingiunzioni di pagamento (con tanto di decreto del Tribunale di Milano) e l’escussione della fidejussione: tra Lega e Sky siamo al redde rationem? Tre milioni di abbonati rischiano sul serio di dover rinunciare alle dirette delle ultime giornate del campionato?”, si chiede il direttore.

Zazzaroni dunque lancia l’allarme: “Esiste addirittura la data del blackout, il 13 luglio. Per evitare la catastrofe la pay dovrebbe versare -o promettere di farlo- entro lunedì la sesta rata 2019/2020 (130 milioni più iva), la cui scadenza non rispettata durante il lockdown ha generato la conflittualità…”, prosegue il giornalista.

Nel dettaglio: “Sky ha chiesto il riequilibrio economico dell’accordo (sconto tra il 15 ed il 15% del totale). Un intervento che le 20 di A, forti di un contratto blindatissimo, non hanno alcuna intenzione di fare... Sono convinto che la Lega non “staccherà il segnale”, anche se alcuni presidente intendono andare fino in fondo. Con gli abbonati non è corretto, né utile, giocare alla prova di forza”.