Mirko Vucinic: “La Juventus una macchina da guerra. Tutti avevano paura di noi”

0
464

Da “Casa Sky Sport”, parla l’ex attaccante bianconero Mirko Vucinic.

“Quando sono arrivato alla Juve avevo alle spalle parecchie partite con una squadra come la Roma e poi ti viene tutto più facile”, ha raccontato Vucinic.

Poi sono entrato in una macchina possiamo dire da guerra. Perché quando ci affrontavano avevano paura di noi. All’inizio magari no, ma poi quando ci afforntevano avevano paura di noi. E poi è stato bravo mister Conte a farci diventare una macchina da guerra sotto tutti i punti di vista”.

Quale attaccante consiglierebbe alla Juve in questo momento?

In questo momento penso che abbiano un attaccante come Cristiano Ronaldo. Se proprio vogliamo consigliare un attaccante all’altezza per il futuro consiglierei Mbappè anche se non so se i parigini sono disposti a cedere un giocatore pazzesco”.

“Secondo me uno come lui non nascerà più per quello che ha dimostrato e che sta dimostrando soprattutto alla sua giovane età”.

Qual è stata la partita decisiva del primo scudetto della Juve?

“Secondo me quando abbiamo affrontato il Milan a casa nostra. Perché comunque il Milan era molto superiore a noi. E quando li abbiamo affrontati a casa nostra ci ha dato una spinta incredibile. E ci ha fatto credere nei nostri mezzi e che potevamo vincere lo scudetto. Perché nessuno all’inizio ci credeva. Poi piano piano, mattone per mattone è arrivata una casa bellissima che era lo scudetto”.