Mundo Deportivo: “Tutto quello che si sa sullo stato di salute di Michael Schumacher”

0
1631

In un suo articolo, il quotidiano spagnolo Mundo Deportivo ha fornito un quadro generale delle condizioni di salute del 7 volte campione di Formula 1, Michael Schumacher, vittima di un tragico incidente il 29 dicembre 2013 a Meribel.

Un incidente che ha cambiato per sempre la vita del campione tedesco, ora accudito nella sua casa in Svizzera da uno staff medico, e di cui si hanno poche notizie per via della privacy assoluta imposta dalla moglie Corinna.

“Il mondo è completamente cambiato in pochi mesi, ma deve esserci un luogo in cui nulla sembra essere successo e in cui la preoccupazione principale non è la pandemia di coronavirus.

Una casa piena di strumenti e dispositivi ospedalieri, un quartier generale medicalizzato a forma di palazzo, situato sul Lago di Ginevra (Svizzera), da cui non sfugge il minimo dettaglio sul suo paziente, Michael Schumacher (3 gennaio 1969)

Forse i medici che lo assistono indosseranno una maschera o uno schermo di plastica come nuovo vestito, guanti per impedire al pilota di maggior successo di tutti i tempi, in condizioni sconosciute, di catturare il virus che ha confinato il mondo intero.

Non Michael, che deve continuare lì, lottando per riprendersi dall’incidente di sci che gli ha cambiato la vita quel maledetto 29 dicembre 2013, alla stazione di Méribel nelle Alpi francesi. Un momento in cui le informazioni conosciute sul sette volte campione del mondo di F1 sono piuttosto scarse.

In effetti, qualsiasi dettaglio che può essere fornito sull’attuale stato di salute di “Schumi” non può essere altro che un’ipotesi pura o una conclusione formata sulla base delle dichiarazioni fatte da alcuni degli amici che lo hanno visitato in questi più di 6 anni della sua nuova vita. 

Tutto ciò, a causa della volontà di sua moglie, Corinna Schumacher, di non rivelare alcun dettaglio sull’evoluzione e il recupero di Michael, per rispetto della sua figura e per lasciare la famiglia sola in un momento così delicato. 

Sebbene possibilmente, questo silenzio ha causato l’effetto opposto a quello desiderato, ed è ciò che si dice su Michael , qualsiasi voce o dichiarazione sul suo possibile stato, diventa notizia di impatto in tutto il mondo.

Solo raramente la famiglia ha rotto il silenzio. Come a gennaio 2019, il giorno prima del suo 50° anniversario, quando la famiglia Schumacher ha rilasciato una dichiarazione per ricordare che “Michael è nelle mani migliori” e per chiedere, ancora una volta, che i fan rispettino il diritto della famiglia a privacy sulla situazione del campione tedesco. Ed è che, come ha sottolineato la moglie Corinna l’anno scorso, sta solo “seguendo la volontà di Michael di mantenere un soggetto tanto sensibile come lo è sempre stato, in privato”.

Michael era (prima dell’incidente) considerato un supereroe per molti. Soprattutto in Italia per i suoi 5 campionati con la Ferrari, dove viene ricordato con nostalgia e grande affetto per la vicinanza dimostrata con tutti i dipendenti della fabbrica e l’ambiente più vicino al team Maranello.

Non abbiamo visto “Il Kaiser” per più di 6 anni a causa di un paradosso della vita . L’aveva sempre sfidata andando oltre i 300 km / h su binari che all’inizio non avevano la sicurezza di adesso. Ha sfidato a morte con un totale di 307 Gran Premi disputati in F1. Nei suoi gloriosi anni sembrava indistruttibile. Un superuomo capace di tutto e di potere con tutto. 

Ma la vita stessa ha rimosso il mantello e ha ricordato a tutti che nessuno è intoccabile. Né quello in grado di conquistare il mondo in 7 occasioni. Lo ha fatto in un modo strano, impensabile per un presagio fisico come Michael, con un incidente sugli sci in cui ha colpito la sua testa. “Non sono una leggenda, solo un ragazzo fortunato che è stato dove doveva essere al momento giusto”, ha detto una volta Schumacher. Ma quella volta, in quel momento, quella frase ha smesso di essere vera.

L’incidente ha causato gravi lesioni cerebrali per le quali è stato operato due volte. Rimase fino a 6 mesi in coma indotto . E in seguito fu trasferito all’ospedale di Losanna in Svizzera, prima di essere portato nella sua dimora svizzera, ora convertito nella cosa più vicina a un centro medico.

In esso, Michael ha la cura di milioni di dollari che secondo vari media stia gradualmente esaurendo la fortuna della famiglia. 

Secondo le informazioni pubblicate nel 2019 dal “Daily Mail”, il costo degli operatori sanitari e delle cure “El Kaiser” riceve giorno dopo giorno pari a £ 50.000 a settimana.

Da allora, è consuetudine che quando dici alle persone che lavori sulla copertura delle informazioni della Formula 1, tutti finiscono per chiederti la stessa cosa: come sta davvero Schumacher?

Questa domanda è sempre nel repertorio iniziale di tutti. È solo l’esempio perfetto che dimostra il grande interesse che tutti hanno, non solo gli amanti della F1, di conoscere veramente lo stato di un Michael su cui la famiglia non ha voluto dire praticamente nulla.

In questi oltre 6 anni, ci sono state molte voci sulla stampa internazionale sul reale stato di Michael

Nel 2019, il ‘Daily Mail’ ha sottolineato che, eventualmente, il sette volte campione del mondo non era in un letto, né ha bisogno di essere collegato a un dispositivo medico che avrebbe tenerlo in vita. Ma la famiglia non ha reagito a tali indiscrezioni. Lo ha fatto anni fa, presentando una causa alla rivista tedesca ‘Bunte’, dopo aver dato false speranze sul recupero di Michael con informazioni che consideravano false.

Hanno anche reagito al furto dei documenti di storia medica del 2014 di Michael con una dichiarazione in cui si avvertiva che l’acquisto di questi era illegale e avvertendo che “cercheremo accuse penali e danni, in ogni caso specifico, contro qualsiasi pubblicazione. del contenuto o riferimento alla storia clinica”.

E lo stesso anno, il quotidiano britannico ‘Mirror’ ha rivelato che Corinna Schumacher ha presentato un’altra denuncia alla polizia contro Anonymous che ha scattato diverse foto dell’ex pilota nel letto di casa sua e che l’autore delle istantanee le ha messe in vendita per più di un milione di euro, foto che non hanno mai visto la luce.

Una delle parole più dedicate allo stato di Schumacher è stata l’attuale presidente della FIA, Jean Todt, un grande amico di Schumacher sin dal suo passato alla Ferrari. L’anno scorso, il francese ha dato buone notizie sul tedesco, assicurando in un’intervista a Radio MonteCarlo di aver visto il GP di Germania in televisione con il tedesco, riconoscendo un anno prima di aver visto il GP del Brasile del 2018.

“Sono sempre attento con annunci come questo, ma è vero. Abbiamo assistito alla gara insieme a Michael Schumacher nella sua casa in Svizzera. Non si arrende e continua a combattere”, ha aggiunto, sottolineando che” ovviamente la nostra amicizia non può essere la stessa di prima, più di ogni altra cosa perché non c’è più la stessa comunicazione di prima. Continua a combattere e la sua famiglia combatte allo stesso modo“, ha detto all’epoca l’amministratore delegato della FIA, che nel giugno 2019 si è nuovamente riferito a Michael, quasi come se fosse l’unico portavoce della famiglia.

“È molto privato. Michael è molto ben circondato, vive con la sua famiglia, a casa sua, tra Ginevra e Losanna. Continua a combattere. È l’unica cosa che posso dire oggi. Si sa che ha avuto quel terribile incidente. Sta combattendo e continuerà a farlo. Ha una squadra con lui, la sua famiglia, che è straordinaria. Tutto il resto è privato ed è corretto che continui ad esserlo”, ha chiarito.

L’ultimo dei suoi amici che si sono riferiti alla salute dello “Schumi” è stato Felipe Massa , ex compagno di squadra del Teuton nel 2006 alla Ferrari, che ha affermato che “la situazione di Schumacher non è facile, è in una fase difficile” .

Oltre a ciò, va notato che nell’ottobre 2019, ‘Le Parisien ‘ ha riferito che l’ex autista è stato trasferito all’ospedale europeo Georges Pompidou di Parigi e ammesso al primo piano per un “trattamento segreto”

I media francesi hanno sottolineato che il tedesco era nelle mani del professor Philippe Menasché, un importante cardiochirurgo di 69 anni che ha aperto la strada alla terapia cellulare per curare l’insufficienza cardiaca e che nel 2014 ha eseguito un trapianto di cellule cardiache embrionali in un paziente con insufficienza cardiaca.

In questo senso, “Le Parisien” ipotizzava che Schumacher fosse stato trasferito in quell’ospedale in tempo per beneficiare delle infusioni di cellule staminali che sono distribuite nel corpo per ottenere un’azione antinfiammatoria sistemica. Inoltre, secondo altre fonti, Schumacher aveva precedentemente effettuato almeno due visite allo stesso centro ospedaliero francese arrivando in elicottero dalla Svizzera, qualcosa che alimentava solo la possibilità che il 7 volte campione del mondo ricevesse un trattamento molto specifico”.