Calciopoli, Moggi: “Su Palamara, Cossiga più lungimirante di me”

0
41427

“Su Palamara, Cossiga è stato più lungimirante di me”. Con queste parole Luciano Moggi su Facebook, comincia a togliersi i sassolini dalle scarpe.

“Purtroppo io ho avuto la sfortuna di conoscere Palamara quando era il PM del processo GEA, nel quale mi aveva inquadrato addirittura come ideatore di quella società… poi le accuse sono state smentite da quel processo stesso”.

Del comportamento di Palamara ne sto pagando anche adesso le conseguenze, per cui preferisco far parlare Cossiga, che lo aveva conosciuto molto prima di me”, ha scritto Moggi sul noto social network.

Parole quelle di Luciano Moggi che giungono non per caso. Lo stesso ex direttore generale della Juventus riporta un articolo pubblicato da Ilprimatonazionale.it che scrive:

“Col senno del poi le intuizioni fisiognomiche di Francesco Cossiga assumono un significato probabilmente più profondo. I posteri stanno dando ragione all’ex presidente della Repubblica, soprattutto alla luce dell’abisso senza fine in cui si sta ficcando Luca Palamara”, si legge sul sito del notiziario.

“Già al centro dello scandalo relativo al “mercato delle toghe“, in questi giorni la sua figura sembra definitivamente affossata, dopo la pubblicazione delle chat in cui dichiarava: “Salvini ha ragione ma dobbiamo attaccarlo lo stesso”. E così non può che tornare alla mente il “simpatico siparietto” risalente al 2008, in cui il picconatore Cossiga si divertì a prendere letteralmente a pesci in faccia l’allora presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Luca Palamara”.