Marcello Lippi: “Juve favorita dalle 5 sostituzioni?Qualsiasi scelta si faccia, si trova da ridire”

0
346

Marcello Lippi, ha parlato della Juventus nel corso di un intervista rilasciata alla Stampa. ​

Prima di tutto però, l’ex tecnico della nazionale italiana campione del modo ha voluto ribadire che i Playoff “non piacciono a nessuno. Appartengono a tantissimi sport importanti, ma le categorie più alte del calcio sono disabituate”.

La mia speranza è che non si debba ricorrere a formule inedite e alternative, però finire i campionati è prioritario: interromperli definitivamente, assegnare verdetti in base a una classifica parziale, sarebbe assurdo sul piano economico e sportivo”.

Pensate ai sacrifici dei club che hanno investito sul mercato d’inverno per raggiungere i propri obiettivi o alla frustrazione di chi non potrebbe portare avanti un’annata fantastica, costretto a ripiegare sogni e ambizioni: l’esempio più evidente è la Lazio, in piena corsa scudetto”.

E poi la lotta scudetto: “Per lo scudetto isfida tra Lazio e Juventus o l’Inter può ancora inserirsi? I nerazzurri hanno una partita in meno e se vincono il recupero balzano a -6 dalla vetta. A quel punto, i giochi possono riaprirsi perché Conte è bravissimo a trasmettere grinta e motivazioni: in un torneo lungo dodici giornate possono rivelarsi determinanti”.

A proposito di chi sostiene che la Juve è favorita grazie alla 5 sostituzioni, Lippi è schietto:

“Qualsiasi scelta si faccia, si trova da ridire. Certo, una rosa di alto livello darà un vantaggio, ma ribadisco che a fare la differenza sarà soprattutto il gioco: le squadre con una fisionomia precisa, al di là delle rotazioni, staranno meglio di quelle che si affidano ai muscoli e alla tecnica dei singoli”.

Infine la Champions League: La coppa giocata in pochi giorni sì sarà strana, ma dopo tre mesi di inattività in Europa, per chiudere la stagione in tempi brevi, qualche compromesso va accettato. L’Uefa ha fatto bene a privilegiare i campionati: comprendo lo stupore davanti a chiusure frettolose”.