Cinque sostituzioni. Boniek: snaturano il calcio e premierebbero le squadre più ricche

0
229

Tiene sempre banco il dibattito sulle cinque sostituzioni autorizzato dalla Fifa per dare la possibilità ai club di sopperire al tour de force di gare cui dovranno sottoporsi gli stessi club in seguito ai problemi causati dal Coronavirus.

Zibì Boniek, presidente della Federcalcio polacca non è d’accordo con questa proposta:

Ritmi forsennati? Io con la Polonia ai Mondiali ’82 giocai 7 partite ogni due giorni nell’estate spagnola con 40 gradi e c’erano solo due cambi. E stiamo parlando di 40 anni fa”, ha detto l’ex bianconero.

“E’ una scelta senza logica che snatura il calcio e le sue regole basilari. Noi non la adotteremo. il mio timore è che possa restare come regola anche dopo il covid. Premierebbe le squadre più ricche e non quelle che lavorano meglio durante la settimana.”

“Scudetto? La Juve era già favorita prima. Noi riprendiamo il 27 maggio in Polonia e spero accada anche in Italia. Bisogna convivere il virus: il calcio non dà solo ricchezza ai calciatori, ma anche alle tantissime persone che lavorano intorno a questo mondo”