Marcello Chirico sulle dichiarazione di Pecoraro: “Sapete chi era il suo padrino all’epoca della sua nomina? Lotito”

0
212

Il direttore editoriale de Il Bianconero Marcello Chirico parla delle polemiche nate dalle dichiarazioni di Pecoraro sulla presunta registrazione mancante del “secondo giallo non dato” a Pjanic in occasione di Inter-Juve del 2018.

“Io una mia teoria me la sono fatta”, esordisce il giornalista. “Sapete quando venne nominato Pecoraro a capo della Procura federale chi erano i suo padrini? Gianni Letta e poi Lotito”, rivela Chirico.

Vuoi vedere che Pecoraro ha sollevato tutto questo polverone per far un favore a Lotito! Pecoraro il polverone l’ha alzato proprio in questo momento in cui la Lazio lotta per lo scudetto per creare un vespaio intorno alla Juve così da indurre gli arbitri – se riprende il campionato – a penalizzarla un po”, ipotizza il giornalista.

“Perchè gli arbitri sono bravi solo quando penalizzano la Juve”, ironizza Chirico.

E dire che sino a quella partita tutti dicevano che Orsato era il miglior arbitro in assoluto. Tutti volevano Orsato”.

“Ma sul primo giallo di Pianic qualcuno è andato a vedere se il cartellino era stato dato correttamente oppure no? Ebbene, è Rafinha che induce l’arbitro a estrarre il cartellino giallo contro Pjanic: non c’è nessun fallo. Le immagini parlano chiaro. E poi il rigore su Matuidi, quello su Higuain nel finale”.