Nicola Amoruso: “All’Inter forse ricordano più il 5 maggio che il Triplete”

0
194

L’ex attaccante della Juventus Nicola Amoruso è intervenuto ai microfoni di RBN:

C’è bisogno della ripresa del calcio, non veloce ma responsabile. Ieri a Milano in giro c’era tanta gente, lo capisco perché siamo stati tanto in casa, con le giuste accortezze è giusto anche poter ricominciare e lo stesso vale per il calcio”, ha detto subito Amoruso.

Penso che ci sia possibilità di ripresa portando le squadre in ritiro e controllando i giocatori. Certo i problemi sono per le squadre delle categorie inferiori che magari non hanno le possibilità, ma un segnale dalla Serie A ci deve essere. Penso che saranno in grado di gestire questa situazione. C’è bisogno di ripartire, lo richiede il Paese e la nostra economia. Con intelligenza bisogna ripartire”.

Non poteva mancare una domanda sul famoso 5 maggio. Amoruso ricorda quella data così:

Sicuramente c’era la speranza, io però la vedevo dura, non pensavo che la Lazio potesse battere l’Inter. Poi quando ci siamo resi conto che il risultato era ormai acquisito con una prestazione grande da parte della Lazio noi poi siamo scoppiati in una grande festa con un po’ di incredulità. Nel DNA della Juventus c’è sempre stato il gruppo, fare un nome per quella stagione è difficile”, ha ricordato l’ex attaccante bianconero.

Poi la stilettata amichevole a Vieri: “Naturalmente per lui e per tutti i tifosi penso che sia stato pesante, forse si ricordano più quella giornata che il Triplete”, ha detto Nicola Amoruso