Calciomercato, Criscitiello: “Juve andrà forte su Jorginho, Chiesa non una priorità, Higuain via”

0
636

Il giornalista Michele Criscitiello nel suo editoriale pubblicato su tuttojuve.com ha parlato anche delle possibili attività di calciomercato della Juventus.

Le parole di Criscitiello:

“[…] Parliamo di calciomercato che almeno serve a distrarci un po’.

Il piano di Commisso, un anno dopo il suo arrivo a Firenze, è chiaro: cedere Chiesa e fare tanta cassa e trattenere Castrovilli, vero gioiello di casa Fiorentina. Entrambi classe 1997 ma con la differenza che il valore di Chiesa è calato in questa stagione e quello di Castrovilli è schizzato.

La Juventus, oggi, non ha più bisogno di Chiesa o, almeno, non è una priorità. Premesso che Chiesa può fare la seconda punta (ma Sarri gioca a 3 davanti) e premesso che Chiesa deve giocare esterno alto, non sappiamo perché la Juventus debba spendere 60-70 milioni di euro per un calciatore che oggi ha segnato poco, in quel ruolo ci sono già Dybala (che può fare anche la prima punta), Ronaldo, Douglas Costa, Bernardeschi (che dovrebbe partire), e la Juve ha sempre un diritto di recompra per Orsolini, stesso anno e stesso ruolo di Chiesa.

Nessuno discute le qualità della Fiorentina ma, oggi, servirebbe a poco sia a Juve che Inter […].

Quindi le aspettative di Commisso rischiano, seriamente, di restare tali. Un mercato importante potrebbe averlo, paradossalmente, all’estero.

La Juventus andrà forte su Jorginho ma non vorrà acquistare il cartellino, al massimo prestito con diritto di riscatto per inserire nell’operazione Bernardeschi che piace da tempo al Chelsea.

Il vero problema di Paratici, se di problema si può parlare, sarà la prima punta più che il centrocampo che resta comunque ben assortito.

Higuain va via e Agnelli si scarica l’ingaggio (attenzione alla MLS), Dybala può essere la prima punta ma solo in caso di rotazione o emergenza ed ecco che l’estate sarà quella della punta della Juve. E Paratici non può sbagliare, come ha spesso fatto in questi anni facendo grandi affari anche a zero.

Bisogna guardare, ovviamente, fuori dal nostro Paese e probabilmente la prima punta potrebbe arrivare dalla Premier“.