Mario Sconcerti: “Rezza strumentalizzato dai laziali”

0
83

Le parole pronunciate qualche giorno fa dal prof. Giovanni Rezza, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e componente del Comitato Tecnico Scientifico, hanno suscitato una vera e propria bufera sui social.

Rezza, nel corso della consueta conferenza stampa della Protezione Civile, in risposta ad una domanda circa una possibile ripresa del campionato, aveva commentato con un sorriso:

“Io sono romanista, quindi manderei tutto a monte…”.

Sulle parole di Rezza si è espresso anche il giornalista Mario Sconcerti ai microfoni di TMW Radio:

“Il polverone l’ha fatto la comunicazione, non Rezza. Il parere di una persona è sempre personale. Se quello poi fa chiaramente una battuta, sottolineando il suo tifo romanista, cosa deve fare?

Rezza è stato strumentalizzato dai laziali, in primis Diaconale che gli ha detto di pensare a fare i vaccini.

Questo dimostra che siamo impreparati e vediamo il virus come una battaglia tra squadre, il che è indice di seria inciviltà.

Su quando si potrà riprendere nessuno può dare una data, l’ideale sarebbe quindici giorni dopo l’ultimo contagio, o quando si arriverà ad un numero considerato accettabile”.