spot_img
spot_img
giovedì, Giugno 20, 2024

L’ex Presidente del Consiglio Mario Monti: “Mes preparato da governo Berlusconi-Lega”

spot_imgspot_img

L’ex presidente del Consiglio Mario Monti, ha firmato un editoriale pubblicato sul Corriere della Sera.

“Il richiamo ai fatti dovrebbe indurre a maggiore lucidità. Il Mes rappresenta l’evoluzione del Fondo europeo per la stabilità finanziaria (Fesf)”, scrive Monti.

Il Fesf prima e il Mes poi sono stati preparati e decisi a livello europeo nel 2010-2011 con l’Italia rappresentata da Silvio Berlusconi nel Consiglio europeo e da Giulio Tremonti nell’Ecofin ed Eurogruppo”.

Quel governo si reggeva sull’alleanza Pdl-Lega. Giorgia Meloni ne faceva parte come ministro per il Pdl, Matteo Salvini era europarlamentare della Lega”. E’ un passaggio dell’articolo che Mario Monti firma sul Corriere della Sera.

Nel dettaglio:

La decisione di istituire il Mes fu presa a livello Ecofin il 9-10 maggio 2010, con la precisazione che ‘la sua attivazione sarà soggetta a forte condizionalità, nel contesto di un sostegno congiunto Ue/Fmi, e avrà termini e condizioni simili a quelli del Fmi’. A livello di Consiglio europeo il 25 marzo 2011 i capi di governo ribadirono che ‘la concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nell’ambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità'”, ha affermato ancora Mario Monti.

L’umiliante esperienza fatta dalla Grecia con la troika, creata con il Fesf, fu tra le ragioni che mi indussero – quando nel novembre 2011 venni chiamato al governo dopo la caduta di Berlusconi, abbandonato dalla Lega, e dovendo rispettare le condizioni draconiane imposte da Trichet e Draghi nella lettera del 5 agosto, accettate dal governo Berlusconi per non perdere il sostegno della Bce ai titoli italiani – ad escludere la richiesta di aiuti, che avrebbe comportato la calata della troika su Roma, e a chiedere al Parlamento di approvare una dura manovra”, scrive il senatore a vita.

Non sarò certo io, perciò, a raccomandare a Conte di andare sotto le forche caudine di meccanismi preparati in Europa da un governo Berlusconi-Lega, che poi passò ad altri l’onere di evitare il default dell’Italia. Onere altissimo, anche perché la lettera Trichet-Draghi, accettata da Berlusconi, chiedeva al nostro Paese di raggiungere il pareggio strutturale del bilancio non nel 2014, traguardo fissato per tutti i Paesi dell’eurozona bensì, solo per noi, già nel 2013″.

“E questo ormai i mercati si aspettavano, quando il nostro spread stava per toccare i 600 punti!”, ha concluso Monti.

- Advertisement -