spot_img
spot_img
venerdì, Aprile 19, 2024

Massimo Pavan: “Dybala e la Juve assieme a vita”

spot_imgspot_img

Dybala pronto alla Juve a vita“. È quanto sostiene Massimo Pavan nel suo editoriale per TuttoJuve. Ecco le motivazioni addotte dal giornalista di fede bianconera:

Paulo Dybala e la Juventus, un amore destinato a continuare nel tempo. Sembra essere questa l’indicazione degli ultimi giorni con telefonate tra la dirigenza ed il procuratore della Joya che hanno ammorbidito la posizione dell’entourage dell’argentino che nei mesi scorsi era rimasto molto turbato per il trattamento della Juventus che voleva inserire Dybala in qualche scambio”, racconta Massimo Pavan.

La stagione è stata sicuramente positiva fino ad ora con dodici reti e con una crescita di livello delle prestazioni, rispetto allo scorso anno, apparsa evidente a tutti”.

Fondamentale per Dybala in questa stagione l’arrivo di Maurizio Sarri che gli ha cambiato posizione avvicinandolo di più alla porta e permettendogli di essere più decisivo”.

Lo stesso argentino al Guardian ha ribadito: «Ero vicino alla partenza questa era l’intenzione del club e lo sapevo. Fino all’ultimo minuto sono rimasto in attesa. Sono felice e a mio agio, l’arrivo di Sarri mi ha aiutato. Voleva che restassi, cosa che mi ha dato la forza quando non sapevamo cosa sarebbe successo. Sapevo che poteva aiutarmi a tirar fuori il meglio da me stesso»”, ricorda il giornalista.

Per Dybala dunque, sostiene ancora il giornalista, “a breve dovrebbe arrivare il rinnovo con un ingaggio aumentato per avvicinarsi a dieci milioni di euro e scacciare le voci di un possibile trasferimento con tante pretendenti che farebbero follie per lui”.

E poi, “Dybala è ancora giovane e spera di concludere la carriera in Italia alla Juventus oltre trentenne, diventando ancora di più una bandiera ed un veterano, sulla scia dei miti del passato”.

“Dybala ci pensa, a Torino si trova bene ed anche se sono in tanti a volerlo, lui vorrebbe restare per scrivere altre bellissime pagine della storia della Vecchia Signora”, conclude Massimo Pavan.

- Advertisement -