Coronavirus, Wanda Nara risponde alle accuse dell’ex Lopez: “Dove abitiamo ci sono pochissimi casi”

0
76

La polemica tra Maxi Lopez e sua ex moglie Wanda Nara, attuale moglie e agente dell’attaccante argentino Mauro Icardi, si arricchisce di un nuovo capitolo.

A far andare su tutte le furie Maxi Lopez negli scorsi giorni, la decisione di Wanda Nara di tornare a Como da Parigi, in piena emergenza coronavirus, portando con sé anche i figli, suoi e di Maxi Lopez.

L’ex marito di Wanda Nara aveva attaccato duramente la donna sul suo profilo Twitter, accusandola di grave irresponsabilità nei confronti dei figli:

“Vorrei sapere in base a quali criteri rompi la quarantena, quando a tutti viene chiesto di non uscire, esponendo i nostri figli ad un viaggio da un Paese all’altro, fino all’epicentro del contagio (Lombardia) senza importartene delle conseguenze.

Cosa ti passa per la testa in momenti come questi, in cui la cosa più sacra è la salute dei nostri figli? Mi indigna che tu non abbia coscienza di ciò.

Se non vuoi farlo per voi, fallo per loro. Sei la madre di 5 creature ma forse non l’hai notato”.

Accuse alle quali ha risposto Wanda Nara ai microfoni della rivista Chi:

“Mi ha accusata di aver portato i bambini da Parigi in Italia, nel cuore della pandemia. Ma Maxi sa benissimo dove abitiamo: io non sto a Como, ma in un paesino vicino Como dove ci sono pochissimi casi.

E qui c’è la mia casa, mentre a Parigi dovevo lasciare quella in affitto, scadeva il contratto.

Inoltre noi abbiamo deciso di rientrare consultandoci con il pediatra, un medico in prima linea con cui parlo tutti i giorni. Da Parigi tutti i giocatori sono ripartiti per i loro Paesi.

E noi ormai siamo italiani, se mi succede qualcosa preferisco che mi succeda qui, a casa mia.

Il mio Paese è l’Italia, che mi ha dato e ci ha dato tutte le cose belle che abbiamo, per questo voglio stare qui. In Argentina c’erano più rischi“.