AIC sul taglio stipendi: “Accordo vergognoso”. Cellino replica: “Non rappresentano nessuno”

0
326

L’Associazione Italiana Calciatori non ha accettato di buon grado la decisione sul taglio stipendi, imposta dalla Lega di Serie A a seguito dell’Assemblea di ieri.

Damiano Tommasi, presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, ha bocciato senza mezzi termini la decisione presa dalla Lega Serie A:

“È una proposta vergognosa e irricevibile“.

A replicare duramente all’AIC presieduta da Damiano Tommasi, il presidente del Brescia, Massimo Cellino, che nel corso del talk show sportivo Qui Studio a Voi Stadio ha commentato:

Loro non rappresentano nessuno, i miei calciatori non li riconoscono.

Gli stipendi dei giocatori incidono per il 110% sui ricavi del club, se non se li tagliano pesantemente falliranno molti club“.