Coronavirus, la speranza nell’ozonoterapia: Al via la sperimentazione all’Umberto I di Roma

0
1825

È oramai una corsa contro il tempo per trovare tra gli scienziati le terapie per contrastare il coronavirus.

Ebbene, una speranza nella lotta contro il coronavirus arriva dall’ozonoterapia.

Il quotidiano Repubblica ha pubblicato una video intervista in merito alla sperimentazione che è partita ufficialmente ieri nei reparti del Policlinico Umberto I di Roma grazie all’intuizione al professor Fabio Araimo Morselli, direttore dell’unità operativa “Ospedale senza dolore” del nosocomio romano.

Questa attenzione all’ozonoterapia per curare pazienti Covid-19 nasce fondamentalmente dalla mia fobia. Ero in contatto da gennaio con colleghi cinesi che già utilizzavano questa tecnica ma per alleviare il dolore nello stadio avanzato della malattia”, ha raccontato il prof. Morselli.

Io ho pensato potesse essere utilizzata prima. L’ozono infatti ha la capacità di ridurre l’infiammazione polmonare che questa malattia causa nei malati (l’ozono viene spesso utilizzato curare dolori cronici o nei pazienti oncologici)”.

Il difficile è capire il punto esatto in cui intervenire, ma ci stiamo lavorando”.

In pratica come precisa Repubblica tra le sue colonne, con l’ozonoterapia vengono prelevati 200 millilitri di sangue dal paziente affetto da Covid-19 che poi vengono ozonizzati con un apposito macchinario e infine reiniettati. “La procedura è semplice e replicabile in qualsiasi istituto” spiega il professor Araimo.

Fonte: La Repubblica