Massimo Pavan: “La Juve davanti a tutti, anche stavolta”

0
2162
TURIN, ITALY - OCTOBER 19: The players of the Juventus celebrate a victory at the end of the Serie A match between Juventus and Bologna FC at Allianz Stadium on October 19, 2019 in Turin, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Massimo Pavan ha pubblicato un editoriale per le colonne di TuttoJuve per esaltare il gesto storico compiuto dalla società bianconera e dei suoi calciatori che nel giro di poche ore sono addivenuti all’accordo di rinuncia agli stipendi per ben 4 mesi.

La Juventus davanti a tutti, anche questa volta. Come riporta il comunicato bianconero: “L’intesa prevede la riduzione dei compensi per un importo pari alle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020…”, ricorda Pavan.

Pavan ripropone il comunicato bianconero, la dove spicca che “gli effetti economici e finanziari derivanti dall’intesa raggiunta sono positivi per circa euro 90 milioni sull’esercizio 2019/2020″.

Altro passaggio ricco di significato etico e morale: “Qualora le competizioni sportive della stagione in corso riprendessero, la Società e i tesserati negozieranno in buona fede eventuali integrazioni dei compensi sulla base della ripresa e dell’effettiva conclusione delle stesse”.

Un taglio importante che vale per tutti, Cristiano Ronaldo compreso, un buon risparmio ed un buon vantaggio di bilancio, che aiuta la società in un momento drammatico per tutti”, riferisce fieramente il giornalista di fede bianconera.

Il giocatore portoghese subirà il taglio più copioso del resto è il calciatore che guadagna di più ed il suo sacrificio sarà il maggiore”.

“Anche questa volta a Torino sono stati i primi e si sono dimostrati all’avanguardia”, scrive con orgoglio il giornalista di fede bianconera.

Il risparmio di 90 milioni su 4 mesi, sarà di circa, 22,5 milioni per ogni mese di stipendio risparmiato una bella cifra per una società che doveva coprire le perdite ingenti dovute sia alle mancate partite, incassi e sponsor”.

Le parole dei giorni scorsi di Andrea Agnelli, hanno fatto effetto ed i calciatori hanno detto presente all’appuntamento con la storia, per loro la Juventus è una famiglia ed in famiglia ci si aiuta”, conclude Pavan.