I racconti di Moggi: “Nedved era indeciso se venire alla Juve, lo incastrai con 50 giornalisti che titolarono ‘Nedved alla Juve'”

0
223

L’ex direttore generale della Juventus, Luciano Moggi, nel corso di un’intervista a tuttomercatoweb.com ha rivelato di come a suo tempo abbia agito d’astuzia per portare Pavel Nedved a Torino.

Una passaggio che ha poi dato il via alla splendida carriera dell’attuale vice presidente della Juventus.

Il racconto di Luciano Moggi:

“Il Real Madrid ci aveva chiesto Zidane, quando la trattativa si è intensificata ho bussato alla porta di Cragnotti per prendere Nedved.

Ogni volta che giocava contro di noi faceva gol, questa cosa non mi andava a genio, e poi le sue qualità erano indiscutibili.

Una volta verificate le condizioni di poter dare via Zidane, chiamai Nedved che però mi disse che avrebbe voluto continuare la sua carriera nella Lazio, anche perché si trovava bene.

All’inizio non volle saperne. Dissi a Pavel: ‘Dammi almeno la soddisfazione di parlarti, ti mando un aereo privato, parliamo e se non vuoi firmare, non firmi‘.

Ma gli feci trovare 50 giornalisti. Così il giorno dopo tutti titolarono Nedved alla Juventus‘.

Lui agli occhi dei tifosi della Lazio apparve come un traditore, non poté fare a meno di venire da noi.

E ripensandoci quell’operazione fu una grandissima fortuna per la Juventus“.