Juve: Chiellini, Matuidi e Buffon pronti al rinnovo per un altro anno. E anche Dybala vuole restare a Torino

0
300

Il Corriere di Torino, riferisce di alcuni scenari di mercato che si stanno concretizzando in casa Juve con riferimento ai rinnovi contrattuali.

Le strette di mano sono vietate ma ormai alla Juve non servono più neanche quelle. Almeno, non per rinnovare i contratti di Giorgio Chiellini, Blaise Matuidi e Gigi Buffon”.

Sulla carta vanno tutti in scadenza il prossimo 30 giugno, di fatto sono pronti a prolungare con i bianconeri ancora per un anno. Il capitano ha perso metà stagione per recuperare dall’infortunio al ginocchio e nell’estate del 2021 potrebbe far coincidere il suo ritiro dal calcio con la fine della stagione ed Euro2021 che giocherà a quasi 37 anni”.

“Ancora però non ci pensa, c’è un rinnovo da firmare e una stagione e mezza da giocare. Ammesso che questa venga recuperata totalmente. Poi quel che sarà, sarà. L’esperienza gli ha insegnato che non serve a molto fare piani troppo a lungo termine”.

“Un po’ come Buffon che di anni ne ha già 42 e pure lui ha zero voglia di fermarsi. Le parole rilasciate in settimana sono servite a dissipare gli ultimi dubbi sul futuro: «Perché non sto smettendo? Sto bene e mi sento bene, ma anche per rispetto dei sogni che avevo da Gigi bimbo. In quegli anni arrivavano i pensieri più puri e dobbiamo rispettare quelle cose lì».

Il Corriere di Torino prosegue: Per il rinnovo di Matuidi invece è bastata la stretta di mano di quando arrivò alla Juve nel 2017. Il contratto prevedeva un’opzione per un altro anno che la Juventus ha esercitato. «Sono contento di continuare per un altro anno, non ci sono mai stati dubbi perché ho sentito la fiducia e la mia famiglia si trova bene qui», annunciava il francese poche settimane fa”.

E appena tutto tornerà alla normalità la Juve continuerà anche a trattare il rinnovo di un altro big, Paulo Dybala. Non una formalità come gli altri ma la volontà del calciatore è quella di restare in bianconero, possibilmente con stipendio a doppia cifra. Le premesse ci sono, si aspettano solo tempi migliori per le strette di mano”.