Luciano Moggi: “È ora di pensare a sospendere la Serie A non assegnando il titolo, mandando in Champions le prime quattro classificate alla 26esima giornata”

0
10385

Luciano Moggi, dalle colonne di Libero lancia la proposta in merito a quello che potrebbe essere l’epilogo del campionato di Serie A come conseguenza dell’emergenza dettata dal Coronavirus, che non intende arretrare sino a questo momento.

La Uefa annuncia lo spostamento dell’ Europeo al 2021, dando precedenza a Champions ed E-League. Ma esiste il problema di finire i campionati nelle varie nazioni per poter dare alla stessa la possibilità di fare i calendari”.

Ecco allora che in Italia già si ipotizza di ripartire il 3 maggio, senza sapere però se il Coronavirus ne darà la possibilità. E, per fronteggiare eventuali ulteriori emergenze, si è anche ipotizzato: la non assegnazione del titolo; playoff e playout; congelamento della graduatoria. Troppe previsioni che finiscono sempre per scontentare tutti”.

Secondo noi invece, considerando la lunga inattività delle squadre e tenendo in conto debito la salute dei giocatori, sarebbe già ora di pensare a sospendere il campionato non assegnando il titolo, mandando alla Champions le prime quattro classificate alla 26esima giornata”.

Stessa cosa per l’ E-League. Poi congelamento delle retrocessioni e promozione delle prime due della serie B in A, da fare quindi a 22 nel 2020-21. Ci sembra l’ unica soluzione di buonsenso praticabile”.

“Indubbiamente un momento difficile per questo sport. Occorrerebbe ovviamente l’ uomo forte (che non c’ è), che sapesse decidere mettendo tutti a tacere, compresa l’ Assocalciatori, facendo presente a Tommasi che se le tv tacciono perché il pallone non rotola, gli stipendi non corrono”.