Gasperini fuori dal coro: “Il calcio come antidepressivo, come forma di sopravvivenza. Bisognava andare avanti con le porte chiuse”

0
427

L’allenatore dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, nel corso di un’intervista a il Corriere dello Sport ha commentato il difficile momento vissuto dall’Italia a causa dell’emergenza coronavirus, che ha inevitabilmente avuto ripercussioni anche nel mondo del calcio.

Le parole di Gasperini:

“La peste, è come la peste. La nostra vita è cambiata, la vita di tutti è cambiata. Un mondo rovesciato.

Ho visto che hanno spostato le partite di Europa League, tra un po’ toccherà anche alla Champions, immagino.

L’Italia è avanti di venti giorni rispetto ad altri Paesi, dubito che qualcuno possa azzardare delle previsioni sulla fine di questo incubo.

Per quel che ci riguarda, nel giro di poche ore siamo passati dalla gioia per aver realizzato una grande impresa, alla consapevolezza di vivere qualcosa di inimmaginabile. Sento soltanto le sirene delle ambulanze. State a casa, state in famiglia, non uscite.

Ci adatteremo, è la specialità di noi italiani.

La vita prevale sullo sconforto. Siamo dentro un altro mondo, peggiorato di brutto.

Questa però lasciamela dire: vuoi sapere cosa mi ha disturbato?
Le solite banalità sul mondo del calcio, i privilegiati, i grossi guadagni, gli interessi da proteggere. Mi ha dato molto fastidio.
Le parole del politico di turno che fa della demagogia, l’unica forma di comunicazione.

Avevo gradito quel passaggio del primo decreto che consentiva al calcio professionistico di proseguire a porte chiuse, perché la funzione sociale del calcio soprattutto in situazioni di emergenza è chiara.

Quando siamo rientrati a Bergamo non c’erano tifosi ad attenderci, giustamente. Ma da stamattina abbiamo ricevuto centinaia di attestati, messaggi di persone che per novanta minuti non hanno pensato che al pallone.

Il calcio come antidepressivo, come forma di sopravvivenza, è così che lo considero.

Le abitudini sono importanti, e non solo per noi italiani la visione di una partita, una parentesi di leggerezza, può risultare addirittura terapeutica.

Hanno voluto dare un segnale forte, bah. Bisognava andare avanti con le porte chiuse, io la penso così”.