spot_img
spot_img
sabato, Giugno 15, 2024

Repubblica dopo il ko della Juve a Lione: “Possibile il ritorno di Max Allegri”

spot_imgspot_img

Il quotidiano ‘La Repubblica’, analizza la situazione in casa Juventus dopo l’inaspettato ko con il Lione.

Dopo sette mesi di lavoro è come se la Juventus non avesse un allenatore. E’ come se si allenasse da sé. I giocatori cercano di seguire indicazioni vaghe, confuse, non assimilate”.

‘Repubblica’ prende spunto dalle parole pronunciate da Maurizio Sarri in conferenza stampa in cui ammette pubblicamente di non essere ancora riuscito a far passare i suoi concetti.

Ogni volta che questo singolare allenatore apre bocca, il mondo bianconero trema. A Lione – continua il quotidiano nazionale – è riuscito a dire che in Italia gli arbitri avrebbero fischiato quei rigori su Ronaldo e Dybala”.

“Certamente Sarri voleva spiegare un diverso metro di valutazione. Ma è come se avesse detto che in Italia la Juventus è aiutata dagli arbitri. Non voleva dirlo, ma lo ha detto”.

Sempre secondo quanto riferisce Repubblica, “non pochi, dentro la squadra e in sede, già in autunno avevano capito che Maurizio Sarri non è adatto alla Juventus”.

Succede, anzi è già successo anche al club più vincente di sempre. Siccome la Juve non esonera, adesso si tratta di arrivare a giugno e poi scegliere l’uomo giusto”.

“Ma se la situazione dovesse precipitare, non è escluso il provvedimento drastico: cioè il ritorno di Massimiliano Allegri, al più presto, per salvare il salvabile”.

- Advertisement -