spot_img
spot_img
sabato, Giugno 15, 2024

Lione – Juve, il sindaco si oppone: “Sfavorevole all’arrivo dei tifosi”

spot_imgspot_img

Il primo cittadino di Decinés-Charpieu, piccolo comune francese dov’è situato il “Groupama Stadium” di Lione, si oppone fermamente all’idea di ospitare i 3000 tifosi bianconeri attesi in città per assistere alla sfida degli ottavi di finale di Champions League tra il Lione  e la Juventus.

Questo il comunicato ufficiale trasmesso, insieme al sindaco del comune confinante di Meyzieu, Christophe Quiniou:

Come misura precauzionale, non sono affatto favorevole all’arrivo dei sostenitori italiani per evitare qualsiasi rischio di contagio di Coronavirus, l’ho reso noto ai servizi statali”, si legge nel comunicato.

E ancora, prosegue la nota: “In nome del principio di cautela, ma anche della prevenzione di qualsiasi disturbo dell’ordine pubblico, è di concerto che chiediamo alle più alte autorità dello Stato francese di pronunciarsi contro l’arrivo dei tifosi dall’Italia”.

Per diversi giorni siamo stati in contatto con la prefettura regionale, ma anche con l’Agenzia Sanitaria Regionale per esprimere le nostre più ferme riserve quando arrivano circa 3000 sostenitori italiani”.

Comunicato quest’ultimo che cozza con quanto dichiarato in mattinata, dal Ministro della Salute francese, Olivier Veran:

Dovremmo fermare eventi collettivi? Dovremmo fermare la settimana della moda? Dovremmo fermare le partite, chiudere le università? La risposta è no. Nessun argomento scientifico e medico oggi ci porta a fermare gli eventi collettivi perché il virus non circola in Francia e perché i casi sono circoscritti in Italia”.

- Advertisement -