Damascelli su Spal-Juve: “Si è avuta un’altra conferma: è l’arbitro al Var a decidere e non l’arbitro in campo”

0
3690

Il giornalista Tony Damascelli nel suo pezzo pubblicato su il Giornale ha commentato anche gli episodi arbitrali più dibattuti dell’ultima giornata di campionato.

Le parole di Damascelli sull’episodio che ha creato più polemiche nel corso di Spal-Juventus:

“Il Var ha funzionato come tante cose del sistema Italia, il monitor di bordo campo è andato in black out e Federico La Penna, arbitro, è dovuto ricorrere al walkie talkie, come un esploratore o boy scout, per dialogare con il collega Di Bello che gli comunicava il fallo di Rugani che avrebbe consegnato il rigore della speranza alla Spal.

Si è avuta, dunque, un’altra conferma: è l’arbitro al Var a decidere gli episodi e non l’arbitro in campo che si deve fidare del proprio assistente davanti al video, quando questo funziona.

Prepariamoci ad altri inconvenienti di percorso, le tecnologie possono non essere perfette, in Champions e all’Europeo, occhio al corto circuito”.

Damascelli ha poi concluso con una frecciatina rivolta al presidente della Fiorentina, Rocco Commisso:

“Post scriptum: visto a Firenze l’arbitraggio di Calvarese assegnare un rigore alla Fiorentina, dopo aver annullato un gol a Ibrahimovic.

Presumo che Rocco Commisso non provi più disgusto per le porcherie del nostro calcio”.