Luciano Moggi boccia l’allenatore bianconero: “È Sarri a doversi adeguare alla squadra e non il contrario”

0
177

L’ex direttore generale della Juventus, Luciano Moggi attraverso le colonne di ‘Libero‘, ha criticato la lettura tattica e la gestione del match fatta da Maurizio Sarri “reo” di aver schierato il tridente nella sfida persa al “San Paolo” contro il Napoli.

Ecco le parole di Moggi:

Evidentemente a Sarri non era bastato perdere a Riyad la Supercoppa contro la Lazio (con i tre davanti) e ha voluto provare i tre attaccanti anche a Napoli, sottovalutando la squadra di Gattuso”, ha subito scritto Moggi.

Ci suona infatti strano che abbia messo in campo il tridente al S.Paolo e non lo abbia invece utilizzato in casa contro Cagliari e Parma, avversari molto più abbordabili di Lazio e Napoli”.

E poi, sostiene ancora Luciano Moggi, “mettendo in campo “i tre” si snaturano in primis le caratteristiche di Dybala, attualmente il più in forma della Juve”.

Con il tridente si restringono inoltre gli spazi di manovra e non si allarga il gioco perché le fasce sono completamente inutilizzate; non è il maggior numero di attaccanti in campo a far segnare più gol (con il Napoli nell’arco dei 90’ è stato fatto un solo tiro in porta)”.

Così facendo viene meno l’equilibrio nella squadra e si può, al contrario, subire”.

“Crediamo che sia Sarri a doversi adeguare alla squadra e non il contrario. Bravo invece Gattuso a capire i punti deboli dell’avversario”, ha concluso Luciano Moggi.