Sarri in conferenza: “Dopo la Juve potrei smettere”

0
673

Domani sera Maurizio Sarri tornerà al San Paolo, alla guida della Juventus.

Per me è una partita particolare -spiega il tecnico bianconero in conferenza – però non bisogna correre il rischio di spendere energie nervose per un aspetto personale di fronte a uno obiettivo collettivo, che è andare a Napoli per fare una grande partita e prendere punti. La partita è difficile e complicata”.

I fischi dello stadio, nel caso, li considererei una manifestazione d’affetto”.

Sarri poi si lascia andare ad una rivelazione inaspettata sul suo futuro

Allenare di nuovo il Napoli in futuro? In questo momento non ho questi pensieri, dopo la Juve potrei anche smettere”, ha detto il mister.

Dipende da quante energie mi saranno rimaste dopo questa esperienza. La pressione secondo me è un falso mito, nessuno degli addetti ai lavori sta dietro a questo circo altrimenti diventeremmo tutti matti”.

In questo momento ho grandi energie, ma fra due anni non lo so: se sarò lo stesso, proseguirò. Se invece avrò meno motivazioni smetterò… Poi magari fra due anni perdo colpi a livello di cervello e andrò avanti lo stesso facendo una cavolata”.

Si torna a parlare dei singoli. Higuain:

Io ero a Napoli quando la Juventus pagò la clausola di Higuain e ritengo ingiusti i fischi che ricevette”.

Higuain si esalta sempre contro il Napoli? Non guardo queste cose. Se giocherà è perché viene da una grande partita e non per motivi extracalcistici, altrimenti giocherà un altro”.

Le mie scelte sono sempre tattiche perché nel resto ci sono degli aspetti positivi ma anche negativi”.

Su Bentancur:
Sta migliorando negli inserimenti, ma sicuramente il più forte che abbiamo da quel punto di vista è sempre Khedira, che ora però non è disponibile”.

“Bentancur ha sempre segnato poco in carriera e deve migliorare da questo punto di vista. Sicuramente, però, Rodrigo ci dà molto equilibrio perché ha un un dinamismo straordinario. Parliamo di un giocatore estremamente importante”.