Polverosi (CorSport): “Se Ronaldo può decidere quando e quanto giocare, vorremmo che Dybala fosse sempre in campo”

0
55

Il giornalista Alberto Polverosi, nel suo editoriale per il Corriere dello Sport, ha commentato la situazione dell’attaccante della Juventus, Paulo Dybala, protagonista di una brillante prestazione in Coppa Italia contro l’Udinese.

Le parole di Polverosi:

“Se Ronaldo può decidere quando e quanto giocare pensando a cosa sia meglio per se stesso, vorremmo che Dybala non avesse questa possibilità di scelta: lo vorremmo sempre e comunque in campo.

Ronaldo, anche se porta il 7 sulle spalle, è un attaccante, Dybala è un giocatore.

È la stessa ragione per cui se oggi qualcuno ci chiedesse chi è stato il miglior giocatore del girone d’andata della Serie A, diremmo il 10 della Juve, ben sapendo che Ciro Immobile ha fatto di più come gol, stabilendo un record.

Il record di Dybala è il livello dello spettacolo, a cui nessun altro protagonista del nostro campionato può avvicinarsi.

Quello che davvero fatichiamo a comprendere è l’atteggiamento della Juve (tutta, dalla dirigenza ai tecnici) nei confronti di quel fenomeno.

La storia stabilisce che fra Ronaldo e lui la differenza è a favore del portoghese, ma la cronaca di questa stagione ribalta il rapporto. Oggi la differenza è a favore dell’argentino.

I famosi 150 palloni a partita che Sarri a inizio stagione voleva ingentiliti dai piedi di Pjanic dovrebbero passare invece dal sinistro di Dybala, allora sì che la Juve non avrebbe rivali.

Non è colpa sua se è capitato negli anni di Messi e Ronaldo, ma appena i due si avvieranno alla pensione sarà lui, insieme a Neymar, a Mbappé e a pochi altri a battersi per il Pallone d’Oro“.