La verità raccontata da Massimo Pavan: “Haaland, questa volta la Juve ha detto no!”

0
104

Massimo Pavan racconta la verità su come è andata a naufragare l’operazione Haaland:

Ecco cosa ha scritto il giornalista sulle colonne di TuttoJuve:

“La Juventus non ce la , niente Haaland, una scelta dolorosa, forse, ma purtroppo che rientra nei limiti di bilancio che ha attualmente la Juventus”.

“Le cifre spese dal Borussia, che recupererà con la cessione di Jadon Sancho sono chiare. Al club austriaco andranno 22 milioni di euro, cifra pari alla clausola di risoluzione presente nel contratto”, scrive il giornalista.

E poi, Mino Raiola, agente del calciatore, incasserà 15 milioni di commissione. 8 milioni di premio firma andranno allo stesso Haaland. Il Borussia ha speso, quindi 45 milioni di euro, tutti sull’unghia, pagando la clausola in questa sessione di mercato”.

Per la Juventus anche la difficoltà di pagare un ingaggio di 8 milioni di euro al calciatore, i bianconeri già hanno fatto uno strappo alla regola con De Ligt, non potevano farne una seconda, ci sarebbe poi stato un rialzo degli altri attaccanti in rosa”.

“I bianconeri erano in chiara pole position, ma valeva spendere tanto, per un quarto attaccante? La risposta la possiamo dare tutti perchè oggi la Juventus è gia esposta troppo finanziariamente, al punto tale che non può esagerare”.

8 milioni a stagione per quattro anni e mezzo come stipendio con un contratto fino al 2024 sono tanto, troppo, per la Juventus di oggi che non vuole sicuramente muoversi oltre ai parametri economici della stabilità”, sostiene il giornalista nel suo articolo.

Conclude Pavan: A volte bisogna saper rinunciare, dal punto di vista del cartellino, 45 milioni per un giocatore del genere non sono un eccesso, ma rappresentano anche una scommessa”.

La dirigenza bianconera non se l’è sentita, non va biasimata, sapranno trovare altre pedine adeguate per rinforzare un reparto che oggi come oggi appare forte ma non segna come dovrebbe e che con il tridente dovrebbe avere un cambio”.