Zaccheroni: “Buffon non è solo il portiere del decennio Juve, ma il più grande della storia italiana”

0
142

L’ex allenatore, Alberto Zaccheroni, su Il Corriere di Torino ha espresso il suo parere sui migliori giocatori bianconeri del decennio che sta per chiudersi, scegliendo la sua squadra ideale.

Le parole di Zaccheroni:

Buffon non è solo il portiere del decennio juventino ma è il più grande della storia italiana. E Szczesny il suo degno erede.

Aggiungo un grandissimo come Dani Alves, anche se la testa è quella che è.
Meglio il brasiliano, magari avanzato a centrocampo, di altri importanti esterni con meno qualità come Lichtsteiner, Alex Sandro o Asamoah.

Come capitano, tra Buffon e Chiellini è una bella lotta, ma la fascia va a Gigi.

Vidal è la prima riserva. Tra Pirlo e Pjanic non saprei chi tenere fuori, li schiero entrambi.

Tra Pogba e Marchisio? Ho sempre avuto un debole per Claudio, un giocatore regolare e con grande intelligenza tattica. Per me è in vantaggio su Pogba, che ha più talento ma meno continuità.

In attacco CR7 per forza, anche se più per quello che rappresenta che non per il rendimento.

Tevez spostò gli equilibri, lo schiero con Dybala e Ronaldo, anche se mi dispiace lasciare fuori Del Piero. Io lo alternavo, ma ci faceva vincere le partite pure entrando nella ripresa.

In panchina Mandzukic e Higuain anche se il Pipa è migliore di quello visto in bianconero”.

Infine un commento di Zaccheroni sulla panchina:

Conte e Allegri sono stati ottimi motivatori e gestori. Il primo ha rivoluzionato tutto: c’erano molti giocatori a fine corsa nella mia Juve.

Ai tifosi e alla proprietà interessa vincere convincendo e dominando.

Tutto e subito non è possibile, anche Sacchi all’inizio al Milan ebbe grandi difficoltà: la proprietà fu brava a sostenerlo e la squadra abile a seguirlo”.