Conte sull’Ordine dei Giornalisti: “Chiedono le mie scuse, ma stiamo scherzando? Tutto in mano ad un avvocato”

0
382

L’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, intervistato da Sky Sport al termine della sfida contro la Fiorentina che si è chiusa con il pareggio 1-1, ha commentato il momento vissuto dai nerazzurri.

Le parole di Antonio Conte sulle ultime due sfide disputate dall’Inter:

“Due partite dove abbiamo raccolto meno di quello che abbiamo seminato.

Col Barça abbiamo pagato il fatto di non avere segnato gol e di aver concesso due occasioni dove potevamo fare meglio.

Oggi spiace perché c’era stata una buona risposta della squadra, meritavamo qualcosa in più anche con la Roma.

In alcune occasioni oggi il loro portiere è stato strepitoso, anche nella ripresa potevamo sfruttare meglio altre situazioni.

Ma stiamo parlando di ragazzi che stanno giocando continuamente, è ovvio che si paghi qualcosa in termini di stanchezza.

Guardiamo il bicchiere mezzo pieno e andiamo avanti“.

Antonio Conte ha anche commentato la spinosa questione che nelle scorse ore ha creato qualche tensione tra l’Inter e l’Ordine dei Giornalisti:

“È tutto in mano all’avvocato. Non l’ho presa io sul personale, l’ha presa l’Inter sul personale. Ora è in mano ai legali. È tutta la categoria dei giornalisti che deve rispettarci.

È un’intera categoria che deve ricevere il segnale, si vede che tanti non sono abituati a gestire persone e pensano a loro stessi.

È stato sorprendente vedere che Odg e Ussi hanno chiesto le mie scuse, ma stiamo scherzando? Si devono vergognare.

Bisogna porre un freno, chi ha la penna non può avere tutto questo potere. Facile così, poi vincete sempre voi”.