Pjanic: “Noi vogliamo vincere, sempre”

0
81

Miralem Pjanic si presenta in conferenza stampa prima della gara tra Bayer-Juve.

“Noi prepariamo sempre una partita alla volta. L’importante è che domani si giochi bene, provando naturalmente a vincere”.

“E sarà importante farlo anche per preparare bene il campionato. Il Leverkusen è una buona squadra, gioca in casa, sono forti. Non sarà facile, ma siamo preparati. E domani vogliamo dimostrare che possiamo fare una bella partita”.

Non è vero che dopo l’Atletico Madrid abbiamo affrontato il Sassuolo con minori motivazioni. Penso che sarebbe una follia se ci allenassimo tutta la settimana per poi non provare a vincere il campionato”.

Noi vogliamo essere vincitori, sempre. A volte capita di perdere punti in casa, però la squadra finora ha fatto un bel percorso. A volte si butta troppa negatività attorno a noi, dobbiamo trovare il giusto equilibrio”.

“Sappiamo che ci sono momenti in cui qualcosa viene meno, ma dobbiamo giocare in fiducia e finire bene l’anno. Affronteremo squadre forti, tutti saranno ben preparati perché vogliono batterci”.

Non sarà semplice, capita a volte che non riesci a vincere. Per questo ci siamo parlati, ci siamo detti le cose per il bene del gruppo e spero che sul campo si vedrà che vogliamo fare bene una cosa sola: vincere”.

“Ho parlato anch’io con i miei compagni e penso che nelle prossime partite qualcosa cambierà, ma non si deve drammatizzare”.

A noi si chiede di più che vincere, si chiede di vincere in modo pazzesco, ma quando si gioca ogni tre giorni è dura. E non è vero che ci sia mancanza di fiducia, semplicemente se giochiamo bene domani sarà più semplice preparare la prossima partita”.

A proposito di Sarri, il bosniaco spazza via ogni dubbio:

“Noi ci fidiamo tantissimo dell’allenatore. Siamo tutti uniti: squadra, staff… Dopo cinque anni con Allegri sapevamo che ci sarebbero stato dei cambiamenti con il nuovo tecnico”.

“Ma serve pazienza, credo che da nessuna parte le cose possano girare subito bene, a volte non bastano neanche sei mesi… Questa squadra ha tanto potenziale ancora inespresso”, ha concluso Pjanic.