La compagna di Buffon, Ilaria D’Amico: “Mi ha fatto soffrire essere considerata una rovina famiglie”

0
1191

La giornalista Ilaria D’Amico, compagna di Gigi Buffon, ospite della trasmissione televisiva Verissimo, ha rivelato alcuni dettagli della sua vita personale.

A partire dalla relazione con il portiere della Juventus, arrivata dopo una separazione dolorosa per entrambi:

“Io e Gigi ci siamo incontrati perché eravamo nella stessa situazione emotiva, reduci da grandi sofferenze, di crisi profonde.

Quando ci siamo visti abbiamo sentito il bisogno di raccontarci come dei rubinetti aperti e abbiamo capito che dentro di noi era successo qualcosa.

In Italia c’è lo stereotipo della donna rovina famiglie, non c’è il corrispettivo maschile.

C’è sempre questa idea che gli uomini siano lì candidi nella loro vita felicissima e che le donne arrivino con malizia e cattiveria a strapparli dalle loro famiglie.

Questo mi ha fatto soffrire perché non era così“.

Sulla possibilità di scegliere un calciatore come compagno di vita, che aveva in passato sempre escluso, la giornalista ha raccontato:

Non l’avrei mai detto nemmeno io, ho sempre pensato di combattere gli stereotipi e invece ero l’esatto opposto.

Non immaginavo che un calciatore potesse essere un compagno di vita, invece Gigi è una persona meravigliosa, con un cuore grandissimo e trasparente.

È un uomo che mi ha ricoperto di un amore enorme e che aveva bisogno di essere amato, abbracciato e capito”.

Ilaria D’Amico ha poi rivelato:

“Direi una bugia se dicessi che non mi manchi una figlia femmina perché sono cresciuta in una famiglia tutta al femminile. Ogni settimana scrivono che sono incinta, ma non lo smentisco mai.

Se dovesse ricapitare mi piacerebbe tanto avere una bambina anche se faccio fatica a immaginare un equilibrio migliore di quello che abbiamo adesso”.

Su un futuro matrimonio con Buffon, la giornalista ha commentato:

Gigi me l’ha già chiesto tante volte ma in maniera goffa.

E io gli rispondo sempre che non si fa così. Vorrei una cosa romantica, con la neve e il camino”.