Beccantini: “Il vizio di Sarri è non sostituire Cristiano quando lo merita”

0
66

Il giornalista Roberto Beccantini, grande firma del giornalismo italiano, ex giurato del Pallone d’Oro e ora blogger di Eurosport, sulla sua pagina Facebook ha commentato il modesto pareggio 2-2 incassato ieri dalla Juventus contro il Sassuolo.

Le parole di Beccantini:

“Il vizio dell’Avvocato era Omar Sivori, il vizio della Juventus è passare in vantaggio e distrarsi, il vizio di Sarri è non sostituire Cristiano quando lo meriterebbe, come oggi (rigore a parte).

E così il Sassuolo di De Zerbi, allenatore con le palle, si porta via, strameritati, i primi punti dallo Stadium.

Lo fa con il gioco, nei limiti del possibile, e con le parate di Stefano Turati, classe 2001, terzo della lista.

Lui contro Mister 700 e rotti gol: il calcio non è «solo» Golia e il volo sulla punizione del Marziano sembrava proprio la fionda di Davide.

Il Sassuolo non ha fatto una piega, la Juventus sì. Splendido il pareggio di Boga, francesino di 22 anni, un dribbling da tenere d’occhio.

Alla ripresa, ci si aspettava il solito ‘Scansuolo’, viceversa si è scansata Madama.

Percentuali di responsabilità nel sorpasso di Caputo: Cuadrado 25%, de Ligt 35%, Buffon 40%.

Ahi, Gigi. E ahi, de Ligt: tornato, d’improvviso, l’imbarazzante «campanilista» che fu (l’avesse trattenuta, quella palla, come l’ha trattenuto Kyriakopoulos in mischia).

È entrato Dybala, ma non al posto di ‘Cierre‘. Tridente, quindi. È poi uscito Higuain, che si era mangiato un gol: il Pipita, non Cristiano.

Bernardeschi trequartista è un divieto di sosta, e se ogni volta cambi il trio di centrocampo, come faceva Allegri, ne risente la rotondità della pedalata: è un dettaglio fisiologico, non di circo o di refettorio.

Non sono bastati i numeri dei singoli, questa volta.

L’ossessione Champions, si dirà: mi dicono che ci fosse anche in passato: nel passato recente, almeno.

La Juventus rimane favorita e imbattuta, ma certi indizi cominciano a essere troppi. E sempre uguali”.