Giancarlo Padovan:”Siamo sicuri che all’Inter convenga passare il turno o, peggio, retrocedere in Europa League?”

0
473

Giancarlo Padovan, noto giornalista sportivo, ha analizzato per le colonne di Calciomercato.com la paradossale situazione in cui si trova l’Inter di Antonio Conte “combattuta” tra Champions League e Campionato.

Nessuno può sapere con certezza quante possibilità abbia l’Inter di passare il turno a gironi della Champions, ma è ovvio che senza una vittoria a Praga contro lo Slavia l’eliminazione sarebbe certa. Quindi pensare di fare un passo alla volta è necessario”, scrive Padovan.

Come è necessario battere, oltre all’avversario, una vera e propria emergenza. Il centrocampo è il settore più falcidiato[…]”.

“Ma, conoscendo Antonio Conte, sappiamo tutti che saprà trarre benefici e perfino vantaggi da una situazione così delicata, rovesciando anche qualche principio della logica”.

“Conte non guida una squadra, ma la conduce. Manca solo che le si metta alla testa come fa continuamente sbracciandosi dalla panchina. Perciò credo che contro lo Slavia molto sia possibile, compresa la vittoria”.

“[… ] Che inevitabilente si porrà come premessa necessaria per tentare di qualificarsi battendo a San Siro il Barcellona”.

Ma Padovan si chiede a questo punto: “Siamo sicuri che all’Inter convenga passare il turno o, peggio, retrocedere in Europa League?”

“Io sono convinto di no, ma Conte non sarebbe Conte se facesse calcoli o se li facesse addirittura al ribasso”.

Dal punto di vista economico, i soldi della Champions fanno sempre comodo. Sia per rinforzarsi sul mercato, sia per dare solidità al club. Ma dal punto di vista tecnico, portare avanti una competizione tanto dispendiosa con una rosa non certo vasta sarebbe gravoso”.

“L’obiettivo dell’Inter e di Conte è chiarissimo ed è lo scudetto. Il tecnico sa che la Champions è importante e prestigiosa, ma non può essere presa in considerazione per un arco temporale che vada oltre i quarti di finale. E, ammesso e non concesso che l’Inter vi arrivi, è assai probabile, per non dire certo, che non sarebbe competitiva per una finale europea”.

Ecco perchè, intorno all’ambiente interista, l’eventuale eliminazione non viene vissuta come un dramma. Dispiacerebbe, questo è ovvio, anche perché si ridurrebbe la possibilità di fare un po’ di mercato a gennaio, ma lascerebbe intatta la possibilità di conquistare lo scudetto (cosa che secondo me accadrà a fine stagione), senza impicci e orpelli”.

Il vero cruccio è che, per essere davvero tranquilla, l’Inter dovrebbe uscire anche dall’Europa League, addirittura più onerosa della Champions sia perché ha un turno in più, sia perché si gioca il giovedì. Tutto questo complesso di cose paradossalmente libererà l’Inter dal punto di vista mentale: qualsiasi risultato otterrà con lo Slavia avrà almeno una valenza positiva”, conclude Padovan.