Sarri boccia ancora una volta il tridente: “Mai insieme dall’inizio”

0
249

Maurizio Sarri interviene nella conferenza stampa alla vigilia della gara di Champions League tra la Juventus e l’Atletico Madrid:

Subito sulle condizioni di CR7:

Ieri si è allenato con la squadra, è un segnale positivo, sembra in crescita. Vediamo le ripercussioni nel lavoro di oggi ma spero che vada bene”, ha detto Sarri.

E ai giornalisti spagnoli, che gli chiedevano dettagli sulla passata querelle con Cristiano, Sarri replica:

“Non so che notizie arrivano a Torino, figuriamoci in Spagna. Il mio rapporto con i giocatori è buono, poi se uno si arrabbia per una sostituzione è positivo, soprattutto se ha vinto tutto e dimostra così di avere grandi motivazioni”.

Come ho sempre detto ormai da 25 anni vedo uscire giocatori inca…ati per le sostituzioni, quindi non mi fa né caldo né freddo”.

Ancora una volta la fatidica domanda: CR7, Higuain e Dybala insieme?

È difficile. Lo è per le loro caratteristiche. Gonzalo è un attaccante puro, Cristiano è il centravanti più forte del mondo, ma parte da sinistra e Dybala non è un trequartista, è un attaccante”, replica Sarri.

Chiaro che in certe situazioni siamo disposti a tutto, ma sono situazioni contingenti. Abbiamo comunque tre attaccanti forti per due posti e mi sembra ideale perché nessuno dei tre potrà fare tutte le partite e come si sta vedendo nelle prime parti della stagione troveranno spazio tutti”.

Poi Dybala è uno che gioca a calcio in maniera fantastica quindi si trova bene con chi sa giocare a calcio. E a calcio sanno giocare Higuain e Cristiano”.

Poi sull’Atletico:
Se dovessimo giocare soltanto per non prenderle o pareggiare si rischierebbe tantissimo, quindi giochiamo senza fare calcoli”.

“L’Atletico ultimamente sta cambiando, palleggia di più, cerca un gioco diverso rispetto al passato. E’ una squadra difficile da affrontare, sarà una partita complessa anche mentalmente perché se pensiamo che siamo già qualificati siamo morti”.

Dobbiamo pensare che il primo posto è fondamentale, altrimenti le motivazioni tra noi e loro saranno troppo diverse. Simeone è distante dal mio calcio? L’Atletico gioca in un contesto difficile, contro Barcellona e Real in Spagna, tutti gli anni riesce a essere efficace e vincere qualcosa. Quindi il percorso è da applausi”, conclude Maurizio Sarri.