Massimo Pavan: “E adesso con de Ligt come la mettiamo?”

0
174

Una prestazione di spessore quella di de Ligt. In casa dell’Atalanta una performance importante dell’olandese, probabilmente la migliore della stagione.

Prestazione che non è sfuggita ovviamente a Massimo Pavan, giornalista e tifoso bianconero che per le colonne di Tuttojuve, rivendica quanto segue:

“Scarso, lento, macchinoso, falloso, sopravvalutato, potremmo continuare a lungo con degli aggettivi negativi nei confronti di Matthij De Ligt, tutti termini utilizzati per denigrare il difensore olandese arrivato a Torino con una valutazione pazzesca e con un ingaggio da top player”, ricorda così Pavan quanto scritto dai detrattori.

Ovvio che le aspettative fossero alte e che il calciatore dell’Ajax dovesse dimostrare molto, di valere quella cifra pazzesca, tuttavia, nessun calciatore di vent’anni merita di essere trattato come De Ligt per delle gare non perfette, tuttavia non pessime come qualcuno che evidentemente parlava per convenienza personale o per danneggiare il grande acquisto della Juventus”, scrive ancora il giornalista.

La rinascita dell’olandese è iniziata in campionato con le rete contro il Torino, dalle polemiche per un possibile fallo di mano, al gol della vittoria, le buone notizie sono continuate anche nelle prestazioni successive, visto che anche con il Milan, l’olandese ha fatto bene”.

“Per l’olandese a Bergamo è arrivata la miglior prestazione stagionale, ha salvato con interventi decisivi almeno quattro situazioni, ha bloccato il quasi coetaneo Barrow, dimostrando come tra qualche anno quando giocherà con i pari età farà ancora di più la differenza ed oltre a questo ha resistito ad un brutto colpo alla spalla che sicuramente poteva metterlo ko”.

“Per la Juventus le notizie su De Ligt sono sicuramente positive, un gol incassato a Bergamo, vero, contro un’Atalanta spuntata, ci può stare, ma i bianconeri, sono comunque riusciti a dare una sensazione adi compattezza, arrivando da una settimana atleticamente e si è visto, peggiore rispetto agli avversari, con viaggi che hanno penalizzato molto di più i bianconeri rispetto ai nerazzurri”.

Dalla gara di Bergamo per Matthijs deve iniziare un periodo di crescita, la prestazione con i nerazzurri deve essere la vetta che l’olandese deve considerare il suo standard per diventare il miglior difensore giovane della serie A e giocarsi con Bonucci la palma di top assoluto”, conclude il giornalista.