L’analisi di Del Piero su Lokomotiv-Juve: “Combinazione Douglas Costa-Higuain meravigliosa. Qualificazione un pizzico fortunata”

0
734

Lo storico capitano della Juventus, Alessandro Del Piero, opinionista sportivo per Sky, ha commentato la vittoria di ieri dei bianconeri contro il Lokomotiv Mosca, che garantisce alla Vecchia Signora l’aritmetica certezza del passaggio del turno agli ottavi di Champions League.

L’analisi di Del Piero:

“Grandissima giocata, con la combinazione Douglas Costa-Higuain che ha fatto un fantastico assist, un’azione meravigliosa, dove c’è il talento prima di tutto, il fisico, l’intuizione, la tecnica.

Per la Juve è stata una partita complicatissima e poteva esserlo addirittura di più.

Douglas Costa è un valore aggiunto in Champions, perché rispetto a tutti gli altri giocatori è quello che ad oggi ha più il cambio di passo, il cambio di ritmo e questo ti devasta. Poi se entra nei minuti finali, ancora di più.

Anche Allegri non a caso l’anno scorso l’aveva visto spesso come opzione nel secondo tempo, quando le squadre diventavano un po’ più stanche.

Già lui è velocissimo e bravissimo tecnicamente, se riesce ad abbinare queste due qualità contemporaneamente diventa immarcabile.

Dal punto di vista del risultato è un bilancio ottimo, perché comunque il fatto di vincere partite come stasera negli ultimi minuti, significa che ci sei con la testa, che sei lì sul pezzo, che sai l’importanza della gara.

Dal punto di vista del gioco e complessivamente di quello che è stato espresso in questo girone, non del tutto meritato, nel senso che quella di oggi è una partita che avrebbero potuto perdere per quello che è stato in grande parte l’atteggiamento durante la partita, un po’ assonnato.

La Juve porta a casa un risultato superiore a quello che si aspettava. Anche all’andata è stata in svantaggio fino a pochi minuti dalla fine.

Questi episodi che, attenzione, non sono fortuna, denotano che comunque è una squadra in salute, con dei grandi giocatori che possono fare la differenza.

Qualificandosi già oggi, devono sentirsi un pizzico fortunati, perché nel complesso di tutte le partite poteva andare peggio”.