Lippi nella bufera in Cina: “È sempre in Italia, dovrebbe stare in Cina a fare il suo lavoro”

0
477

È bufera attorno all’ex tecnico della nazionale italiana campione del mondo Marcello Lippi.

I fatti si stanno consumando in Cina, dove i media locali non hanno gradito la decisione di Marcello Lippi di non guidare la Cina in occasione dei Campionati dell’Est Asia, in programma il mese prossimo in Corea del Sud.

Il suo posto in panchina verrà preso dall’ex centrocampista dell’Everton Li Tie.

Durante il torneo, Lippi infatti sarà in Italia, d’accordo con i vertici della federazione calcistica cinese.

“Lippi trascura i suoi doveri”, ha tuonato il quotidiano sportivo cinese Oriental Sports Daily, mettendo in evidenza il mega stipendio percepito dall’ex tecnico di Juventus e Inter, pari a circa 23 milioni di dollari a stagione.

L’Oriental Sports Daily rincara la dose e scrive: “Non dovrebbe essere il suo lavoro allenare la nazionale? Riceve uno stipendio per quella posizione, dovrebbe fare il suo lavoro”.

Anche l’altro quotidiano sportivo cinese, il Tencent Sports, tuona: “Una vacanza che potrebbe durare quattro mesi”, in virtù del fatto che Lippi tornerà in Italia dopo la sfida cruciale con la Siria di metà novembre nel gruppo di qualificazione a Qatar 2022. Lippi si ripresenterà in Cina nella primavera del 2020.