Juventus, da Jeep arrivano altri 25 milioni

0
469

Ottime notizie in casa Juve a poche ore dall’assemblea degli azionisti di stamani.

Il marchio Jeep – come riporta il Corriere dello Sport – copre d’oro la Juventus.

Il club bianconero ha infatti annunciato il “ritocco” dell’accordo con lo sponsor di maglia che ha aumentato la cifra stanziata per restare sulle divise da gioco dei calciatori bianconeri fino al giugno 2021.

Si passa dunque “da 16 milioni più bonus a oltre 40 con un aumento “secco” di 25 milioni”, riferisce sempre il CdS.

Questo accordo arriva a poche settimane dall’altro importante rinnovo sottoscritto tra la Juventus e lo sponsor tecnico di Adidas che porterà nelle casse bianconere 51 milioni a stagione fino al 2027.

“I due contratti rivisti decisamente al rialzo sono frutto principalmente dell’arrivo di Cristiano Ronaldo che ha portato a una crescita di tutte le sponsorizzazioni”, ribadisce il quotidiano sportivo.

La Juventus a seguito di questo importante accordo è la società italiana che monetizza di più lo sponsor sulla maglia.

La società è tuttavia già al lavoro con FCA per allungare il vincolo oltre il 2021.

IL COMUNICATO

“Si comunica – si legge sul sito della Juventus – che, in considerazione dell’eccellente performance sportiva della Prima Squadra, Juventus Football Club S.p.A. e FCA Italy S.p.A. hanno raggiunto l’accordo per incrementare di € 25 milioni il corrispettivo fisso annuo della sponsorizzazione Jeep per le stagioni sportive 2019/2020 e 2020/2021, con l’inclusione di taluni diritti di sponsorizzazione aggiuntivi”.

“Contestualmente, Juventus e FCA hanno convenuto di iniziare, anticipatamente rispetto alle previsioni contrattuali, le negoziazioni per il rinnovo della sponsorizzazione. Juventus e FCA sono parti correlate in quanto soggette a controllo da parte di EXOR N.V. L’operazione in oggetto, pur costituendo operazione ordinaria a condizioni equivalenti a quelle di mercato, è stata sottoposta, ai sensi della procedura per operazioni con parti correlate adottata da Juventus, all’approvazione del Consiglio di Amministrazione della Società, previo motivato parere favorevole del Comitato per le operazioni con parti correlate”.