Il presidente dei piccoli azionisti Juve: “Il piano di sviluppo punta a raggiungere il miliardo di fatturato”

0
684

In occasione dell’Assemblea dei Soci della Juventus, il presidente dei piccoli azionisti Paolo Aicardi ha parlato del futuro della società bianconera.

Le parole di Aicardi:

“Quello di oggi è un voto storico, perché credo sia il più ricco aumento di capitale della storia del club, anche se ufficialmente conosciamo solo il valore degli ultimi tre, ovvero da quando il club è quotato.

In pratica, gli azionisti della Juventus hanno tirato fuori 525 milioni dal 2001 a oggi. Non male se si paragona a quanto speso da Moratti e Berlusconi nello stesso periodo, visto che hanno superato entrambi il miliardo.

Credo che il presidente Agnelli e il suo gruppo dirigente abbiano come obiettivo fondamentale l’aumento dei ricavi.

Dall’aumento dei ricavi deriva in modo diretto la competitività sportiva della squadra, perché il business principale della Juventus è e resta il calcio.

Ora si prepara un’ulteriore salto di qualità, perché il piano di sviluppo punta a raggiungere nel futuro il miliardo di fatturato, conservando quindi la possibilità di competere con Manchester United, Barcellona e Real Madrid.

Credo che l’acquisto di nuovi giocatori sia un’attività ordinaria, che quindi non necessiti di un aumento di capitale.

La Juventus adesso può continuare a comprare campioni anche senza quei trecento milioni.

Credo che Ronaldo sia il punto di arrivo di un piano iniziato 8 anni fa, quando la stella del mercato era Vucinic. Da lui a Ronaldo ci sono stati vari step: Tevez o Khedira per esempio, che hanno dimostrato come star sempre più importanti sceglievano la Juventus.

Quando l’ha scelta Ronaldo, ovvero il numero uno, ha sdoganato il fatto che qualsiasi giocatore ora può preferire la Juventus al Real, allo United o al Barça.

Ora tutto è possibile e la scelta di de Ligt ne è la dimostrazione. Credo che la prossima scommessa sia quella di ingaggiare il prossimo Ronaldo, ma più giovane”.