Ravanelli su CR7: “È il numero uno, cercherà di segnare stasera per la prima volta su punizione”

0
177

L’ex attaccante della Juventus, Fabrizio Ravanelli, intervistato in esclusiva da tuttojuve.com, ha commentato la sfida Champions di stasera che vedrà impegnati i bianconeri allo Stadium contro il Lokomotiv Moskva.

Un estratto dell’intervista a Ravanelli:

“Sarà una partita molto difficile dove la Juventus dovrà tirare fuori tutto il meglio della concentrazione e della determinazione perché la vittoria è fondamentale per la qualificazione. Credo che il Lokomotiv dovrà esser preso con la dovuta attenzione come tutte le sfide di Champions”.

Ieri, in conferenza, hanno chiesto a mister Sarri se sarà la serata di Higuain oppure Dybala. Qual è la tua idea a proposito?

“Credo che questa sera scenderà in campo il più in forma, ad esempio Higuain non ha fatto gol con il Bologna ma ha giocato una buonissima partita. Inizierà il match chi sarà il più motivato”.

Il calcio è strano perché entrambi potevano lasciare in estate. Higuain, con Sarri, assomiglia molto ad un numero dieci perché spesso è più rifinitore che goleador così come Dybala si comporta da nove quando gioca a fianco a Ronaldo. Ti aspettavi questa intercambiabilità?

“Con il gioco di Sarri, sia Dybala che Higuain sono due giocatori che devono partecipare molto all’azione oltre che finalizzare. Al di là della loro ipotetica partenza estiva, in questa squadra non esiste il giocatore titolare e per questo sono davvero molto importanti. Più che questa intercambiabilità, credo sempre che siano due giocatori diversi perché il numero dieci rifinisce e il numero ventuno conclude in porta”.

Juventus e Lokomotiv si affronteranno nuovamente a Torino dopo il 3-0 del 1993 nei trentaduesimi di finale di Coppa Uefa. Che cosa ricordi di quel match?

“Sono passati davvero tanti anni, però la soddisfazione di fare gol in Europa non si dimentica mai. Giocammo in campo neutro a Bologna, fu una partita piena di soddisfazione per Baggio che fece doppietta con una punizione splendida e una azione da manuale. Feci un gol anche io, di tap-in, a seguito di una respinta derivante proprio dal suo tiro”.

Che poi questo Lokomotiv sembra molto più organizzato rispetto a quello di ventisei anni fa.

“Assolutamente sì, il calcio russo è cresciuto un pochino ma andiamoci un po’ con i piedi di piombo perché il Lokomotiv non è ancora in grado di competere con il livello italiano“.

Curiosità su CR7: segnerà stasera per la prima volta su punizione con la maglia della Juventus?

“Speriamo, me lo auguro per lui perché è il numero uno al mondo e proverà a rompere questa sorta di maledizione che lo vede protagonista sui calci di punizione. Sono sicuro che romperà questo ghiaccio, ha concluso Ravanelli con un sorriso.