Sarri in conferenza sulla scelta tra Dybala e Higuain: “Sbagliare è quasi impossibile”

0
164

La Juve riparte dalla Champions, in attesa della sfida di domani sera alle ore 21 allo Stadium, contro il Lokomotiv Mosca, match valido per la fase a gironi della Champions League (girone D).

A presentare l’attesa sfida, in conferenza stampa si è presentato il tecnico bianconero Maurizio Sarri, affiancato dall’attaccante di punta della Juventus, Cristiano Ronaldo.

Le parole di Maurizio Sarri:

“Giocheremo contro una squadra che sta facendo un’ottima stagione, si sono messi in una buona condizione di classifica in Champions.

Questa squadra è più forte di quella che ci si aspettava, non hanno un grandissimo nome, ma hanno una buona squadra.

Ha grande densità difensiva, e abilità nel ribaltare le azioni. Affrontare con grande rispetto e calma nei novanta minuti”.

Sarri ha poi commentato la difficile scelta che lo attende, tra Dybala e Higuain:

Chi va in campo, preferirei dirlo prima a loro.

Scegliendone uno anche tramite sorteggio, sbagliare è quasi impossibile, è una grande fortuna.

Nel corso di queste settimane, avranno modo di esprimersi entrambi, vediamo se domani sera sarà meglio far partire l’uno o l’altro”.

Sarri ha poi analizzato le prestazioni dei bianconeri:

“Nella parte iniziale della stagione abbiamo creato un numero di occasioni da gol minore rispetto al volume di gioco espresso.

Ora stiamo concretizzando poco rispetto a quanto creiamo. Se il numero di palle gol continua a essere così importante, verranno fuori le qualità dei nostri giocatori.

La strada è quella giusta, dobbiamo metterci nelle condizioni ideali”.

Il tecnico bianconero ha poi continuato elogiando il campione portoghese, CR7, al suo fianco nel corso della conferenza:

“È motivo di soddisfazione e orgoglio, allenarlo. Al di là delle qualità fisiche e tecniche straordinarie, è la mentalità a essere straordinaria.

Ha la capacità di porre obiettivi individuali in continua evoluzione.

Quando ha segnato il 700esimo gol, lui pensava al numero 800.

Ha una capacità di imporsi motivazioni straordinaria, importante per tutti noi, è contagioso.

Sotto tutti i punti di vista è straordinario. L’aspetto mentale mi fa capire la differenza, ha qualcosa più di tutti“.

Sarri ha poi continuato con un commento su Ramsey e Danilo:

Aaron Ramsey non penso ci sia, non ha problemi muscolari, tutte le analisi strumentali le ha fatte e sono negative. Ma il ragazzo sotto sforzo ha sempre la sensazione di problema all’adduttore, fattore di rischio in questo momento.
Sta lavorando sulla forza di questo muscolo perché questo non gli consenta di avere questa sensazione di indurimento.

Danilo si sta allenando con noi da qualche giorno, non ha i 90 minuti nelle gambe, ma sta bene. Giocatore completamente recuperato dal punto di vista clinico e agonistico”.

L’allenatore bianconero ha poi espresso un commento su Rabiot:

“Nelle grandi squadre, quando gli organici sono così vasti, giocare con continuità è difficile per tutti. L’aspetto più positivo è che lui è stato un mese senza giocare, è tornato dentro ed è migliorato.

Si può migliorare anche attraverso l’allenamento. Sono contento, è stato sfortunato e fortunato di non andare in nazionale, di poter lavorare con i tecnici per un lavoro specifico, non solo fisico, ma anche tattico e di ruolo, che penso l’abbia aiutato”.

In conclusione un commento su Demiral e Rugani:

“Hanno caratteristiche diverse, come dire differenze tra Bonucci e Chiellini.

Demiral è più simile a Chiellini, grande velocità e aggressività, è uno che trasuda energia da tutti i pori.

Rugani è più simile a Bonucci, è di lettura e di reparto. Discorso di caratteristiche e gerarchie.

Come ho sempre detto, in questo momento, nel tentativo di far crescere il reparto, abbiamo privilegiato soprattutto la continuità.

Spero di poter cambiare anche due giocatori nella linea difensiva in futuro. E che questo futuro sia molto prossimo”.