Maurizio Sarri: “Juve squadra che ha qualità, grandi qualità”

0
263

Maurizio Sarri è visibilmente soddisfatto dopo la vittoria della “SUA” Juventus a San Siro contro l’Inter. La Juventus si riprende la testa della classifica.

Il sorpasso in questo momento ha poco significato, l’aspetto importante è che abbiamo fatto una buona prestazione, una prestazione di personalità, di carattere, contro una squadra forte, che aveva sempre vinto fino a questo momento, con un ambiente carico”.

Invece siamo riusciti ad entrare in partita con un buon approccio, abbiamo fatto bene, penso che abbiamo meritato di vincere”, ha commentato il mister.

Il tecnico bianconero, intervistato da Sky viene stuzzicato sul gol del Pipita.

Nell’azione del gol di Higuain ci sono stati fatti 24 passaggi, è Sarrismo?

No, sono i piedi dei giocatori, perchè è una squadra che ha qualità, ha grandi qualità e quando trova momenti di lucidità può palleggiare con grande qualità. E quando il palleggio viene fuori fluido le palle gol può venire come diretta conseguenza”.

Poi a chi gli chiede del tridente, Sarri ammette: “Dybala, Ronaldo e Higuain insieme? Andavano provati”

L’inerzia della partita in quel momento era completamente nostra, era un qualcosa che secondo me andava provata, perchè uscire dalla partita senza vincere era ingiusto e quindi abbiamo provato anche quella soluzione”.

Purtroppo l’abbiamo provata in un momento in cui Paulo era leggermente stanco. Dopo qualche minuto ho capito che l’inerzia della partita stava cambiando e ho cercato di riequilibrare la squadra”.

Su De Ligt:Parla poco l’italiano, sarà per quello. È un ragazzo forte, chiaramente in fase di adattamento al nostro calcio, alla nostra squadra, al nostro modo di difendere”.

È anche normale che in questo momento abbia qualche partita su alti livelli perchè la potenzialità è enorme, qualche partita con qualche difficoltà in più, perchè è un giocatore che in questo momento deve adattarsi e sta vivendo delle difficoltà”.

Probabilmente l’infortunio di Giorgio ci ha costretto a velocizzare l’inserimento totale e globale di questo ragazzo, se ci fosse stato Giorgio probabilmente un inserimento più graduale lo avrebbe aiutato maggiormente”.

Khedira e Matuidi “limitano” il progetto Sarrismo?

“No, io penso che questa squadra dal punto di vista del palleggio ha già fatto dei passi avanti importanti”.

Quello su cui dobbiamo e possiamo lavorare, è sul predominio, sul controllo delle partite. Non abbiamo una supremazia territoriale enorme, però bisogna lavorare sui presupposti, bisogna pressare di più e meglio, bisogna andare sulle palle perse, sulle palle vaganti, dobbiamo togliere qualsiasi tipo di iniziativa offensiva agli avversari, in maniera da stare di più nella metà campo avversaria”.

“Però questa è una squadra abituata a difendere in maniera leggermente più bassa e non andare in panico. Bisogna rispettare tutto quello che hanno fatto prima e piano piano inserire cose diverse”.

Ti aspettavi di andare già forte sia in campionato che in Champions?

Secondo me abbiamo ancora margini di miglioramento, dobbiamo andare a trovarli piano piano, poi la squadra è forte, individualmente è forte, dalla panchina si possono alzare giocatori importanti e riusciamo a fare risultati importanti lo stesso, anche se secondo me in questo momento non siamo al 100%”.