L’Associazione Italiana Calciatori sul caso Icardi: “Deve allenarsi come i suoi compagni”

0
383

Il Vice Presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, Umberto Calcagno, in un’intervista rilasciata a Il Corriere dello Sport, ha commentato la situazione di Mauro Icardi all’Inter.

Periodo di grande incertezza per l’attaccante argentino, da mesi al centro di una spinosa vicenda che ha portato l’Inter a estrometterlo dai suoi progetti futuri.

Varie le trattative in corso per un suo trasferimento, al momento senza però all’orizzonte una concreta possibilità di chiusura.

L’attaccante argentino è sul piede di guerra, per via della sua svalutazione: dagli 80-100 milioni di valore dello scorso anno, è passato ad appena 40, senza aver giocato un minuto di precampionato e totalmente fuori dal progetto tecnico dei nerazzurri.

E proprio su questa situazione si è espresso Umberto Calcagno di Assocalciatori, che ha rimarcato:

“L’articolo 7 dell’accordo collettivo dei calciatori, sottoscritto nel 2011 tra la Lega di Serie A e l’Aic, rinnovato ogni anno, sancisce che tutti devono allenarsi in condizioni di parità, senza discriminazioni o differenziazioni.

La norma è generale e non entra nei particolari, le casistiche sono le più disparate.

Non ha il diritto di giocare la domenica, rientrando questo nel potere discrezionale dell’allenatore, ma deve conservare la sua migliore efficienza fisica anche nell’eventualità di un trasferimento.

È anche interesse della società che cede e acquisisce“.