Cairo spavaldo: “La difesa del Toro non ce l’ha neanche la Juventus”

0
134
Db Milano 22/07/2016 - presentazione calendari serie A 2016-2017 / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Urbano Cairo

Il Toro continua il suo cammino in Europa League, a un passo dal possibile spareggio per l’accesso ai gironi contro il Wolverhampton.

Proprio dopo la vittoria contro lo Shakhtyor Soligorsk ha parlato il presidente granata Urbano Cairo, intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

“Abbiamo la stessa squadra che è stata allenata per un anno e mezzo dal mister e che a fatto due ritiri con lui.”

Zaza che quest’anno ha fatto il ritiro con il mister si vede che è totalmente nuovo, totalmente rinato.”

Belotti che è tornato quello di un tempo in modo prepotente e fantastico. Baselli che sta maturando e crescendo tantissimo.”

“I difensori, Izzo, Nkoulou e tutti quanti. Pensate alla difesa che abbiamo, Izzo, Nkoulou, Bremer, Lyanco, Bonifazi e Djidji ma ci è che li ha in serie A? Per me non c’è nessuna squadra italiana che ha sei giocatori così neanche la Juventus

Parla anche del mercato Cairo:

“Non è facile rinforzare la nostra squadra sul mercato, anzi è proprio difficile.”

“Metti per ipotesi che si vada a prendere un giocatore importante, anche patrimonialmente: a chi toglierebbe il posto? Siccome non credo che prenderemo Messi, pensate che Mazzarri lo metterebbe subito in campo?”

“In avanti abbiamo Belotti, Zaza, Iago, Berenguer, i giovani Millico e Rauti che piacciono al mister e il convalescente Edera.”

“Chi togli? Io sono qui pronto a cogliere l’eventuale occasione, ben lieto di fare operazioni che siano anche utili alla società”

Si sofferma poi su Verdi, da molti considerato il vero obiettivo di mercato del Toro:

“A me non piace parlare di giocatori di altre squadre, quando si è parlato dei nostri mi ha dato fastidio.”

“Quindi voi dite Verdi e io rispondo in generale: guardate che a volte un giocatore non lo riesci a prendere perché la sua società non ha fatto gli acquisti che doveva fare e dunque non lo libera.”