Ronaldo svela l’origine della sua esultanza più famosa

0
1096

L’attaccante della Juventus, Cristiano Ronaldo, nel corso di un’intervista a soccer.com, ha svelato l’origine della sua celebre esultanzaSiuuu‘, dopo ogni suo gol.

Un’esultanza nata nel 2013 in un match contro il Chelsea, ai tempi di Ronaldo al Real Madrid di Carlo Ancelotti, nel corso di una tournée estiva negli Stati Uniti.

Salto a piedi uniti, le braccia larghe e l’urlo, diventato ormai famosissimo, Siuuu.

Sei anni dopo, quell’urlo risuona ancora nei campi di tutta Europa, e Ronaldo spiega così la sua celebre esultanza:

“È nata in maniera naturale – ha commentato CR7 -, eravamo negli States, giocavamo contro il Chelsea, ho segnato, ho fatto un salto e ho urlato quel “Siuuu“.

“Da allora ho continuato a farlo anche perché quando incontro i tifosi mi ripetono quell’urlo“.

Ronaldo ha poi proseguito l’intervista rivelando il nome di un giocatore con il quale gli sarebbe piaciuto giocare:

“Ci sono tanti grandi giocatori con cui mi sarebbe piaciuto giocare, ma se devo sceglierne uno, allora dico un mio connazionale che purtroppo non c’è più”.

“Dico Eusebio, uno dei simboli del Portogallo, una persona incredibile, un esempio per tutti noi, sarebbe stato bello giocare con lui in nazionale”.

CR7 ha poi concluso rispondendo alla domanda circa il gol più bello della sua carriera:

Difficile sceglierne uno, ne ho fatti circa 700, opto per la risposta più semplice e dico l’ultimo e il prossimo, perché per me tutti i gol sono importanti“.