Massimo Pavan: “A Torino ragionano su una rivoluzione in attacco”

0
138

Il giornalista e tifoso bianconero Massimo Pavan, su tuttojuve.com ha fatto il punto sulla situazione del reparto offensivo della Juventus.

Le parole di Pavan:

“Un attacco che potrebbe essere totalmente rivoluzionato quello della Juventus.

Nella scorsa stagione, il reparto non ha fatto male ma il solo Cristiano Ronaldo ha offerto un rendimento accettabile, gli altri sono chiaramente andati sotto la loro media e per questo a Torino hanno deciso di applicare un cambio totale di fisionomia, rivoluzionando un reparto che in un certo senso non ha convinto.

Cristiano Ronaldo resta un punto fisso di casa Juve, sarà lui anche in questa stagione l’attaccante di riferimento, con lui i bianconeri, o meglio intorno a lui gireranno gli altri.

Da capire, se rimarrà Gonzalo Higuain, uno che ha mostrato fin dall’inizio di essere un potenziale partner ideale per Ronaldo, ma che non ha per niente la certezza di restare, come riserva costerebbe troppo.

Dybala e Mario Mandzukic sembrano sempre di più sul piede di partenza e la Juventus li dovrebbe sostituire con calciatori all’altezza.

Il primo nome è quello di Romelu Lukaku, il bomber che dovrebbe sostituire il croato, più giovane, un po’ più marcatore, un calciatore che realmente potrebbe dare qualcosa in più rispetto a Marione, almeno vedendo le medie realizzative, meno quantità e copertura, più reti.

Da capire, poi, chi sarà preso al posto di Dybala, difficile che si rimanga così, il rilancio di Douglas Costa è una possibilità, Federico Bernardeschi sarebbe il terzo, ma entrambi non segnano tantissimo.

Ecco, quindi che a Torino potrebbero puntare su un ulteriore acquisto, che potrebbe essere quel Federico Chiesa che la Fiorentina sembra aver bloccato.

Devono pensarci bene a Torino, con la partenza di Kean le punte centrali si stanno riducendo, perdere anche Mandzukic e Higuain, senza adeguati sostituti potrebbe essere rischioso.

A Torino ragionano su una rivoluzione che dovrà però vedere una rosa completa, possibilmente senza stravolgimenti negativi”.