spot_img
spot_img
venerdì, Febbraio 23, 2024

Pavan sulle spese dei club: “Inter saldo peggiore della Juve!”

Il noto giornalista di fede bianconera, Massimo Pavan, su tuttojuve ha analizzato la situazione delle big europee per quanto riguarda le entrate e le uscite della stagione.

L’analisi di Pavan:

“Un mercato che si sta dimostrando come molto ricco quello di questa stagione, con le formazioni europee che stanno spendendo molto.

La più spendacciona è al momento il Real Madrid, con oltre 300 milioni, in realtà sono 303,00 mln , dietro di loro l’Atletico Madrid con 243,50 mln, il Barcellona con 237,00 mln.

La Juventus è quarta con 151,50 mln, seguita a sorpresa dall’Aston Villa con 127,90 mln, dopo di loro il Borussia Dortmund con 127,50 mln, il Siviglia con 124 mln, Bayern Monaco 118,00 Roma 98,00 mln e Manchester City 90,00 mln.

Sorprende il City al decimo posto, mentre i bianconeri, al momento hanno fatto spese importanti ma comunque equilibrate.

A livello di entrate, la formazione che ha incassato di più è l’Atletico Madrid con 311 milioni, seguito dal Benfica con 188,20, l’Ajax Amsterdam con 181,75 mln, l’Olympique Lione 132,82 mln , il Chelsea FC 119,65 mln, il Real Madrid CF 115,00 mln.

La Juventus è settimana a livello di incassi con 109,00 mln, poco sopra il Barcellona, ottavo con 106,40 mln, davanti all’Hoffenheim con 102,85 mln e chiude la decima posizione l’Eintracht Francoforte 100,80.

Ad oggi il peggiore saldo tra entrate ed uscite è del Real Madrid con -188 milioni, seguito dal Barcellona con -130, terzo l’Aston Villa con -127, quarto il Leicester con -85, a seguire, Bayern Monaco, -84, Borussia Dortmund, -82, Siviglia -74, Manchester United, -72, Manchester City, -62 e Wolverhampton Wanderers meno 48 milioni.

La novità è la Juventus che ha un saldo di -42,50 milioni, migliore rispetto a quello dell’Inter, con -46 milioni.

Ad oggi, i bianconeri, quindi, hanno fatto un buon mercato, devono ancora cedere diversi calciatori, ma numeri alla mano, non hanno un saldo pessimo, anzi, sono nella posizione di non essere costretti alle cessioni, anzi, se riusciranno ad eliminare qualche contratto pesante, potranno ancora muoversi in entrata“.

- Advertisement -