Cesinha provoca: dopo il gol esulta come Ronaldo, poi si scusa (VIDEO)

0
857

Ultima tappa della tournée asiatica per la Juventus, che l’ha impegnata a Seul contro il Team-K League, la selezione dei migliori calciatori del campionato coreano.

I bianconeri di Sarri danno vita a un incontro spettacolare contro la migliore rappresentativa del campionato coreano.

Un’ora per attendere solo il fischio d’inizio, poi 90 minuti di continui capovolgimenti di fronte e grandi emozioni.

Botta e risposta Osmar-Muratore in avvio.

I gol di Cesinha e Taggart riportano avanti i coreani, ma nel finale Matuidi e Pereira firmano il pari. Solo panchina per Ronaldo

La curiosità arriva però al 45′ della ripresa quando è arrivato il gol del 2-1 dei padroni di casa, messo a segno da Cesinha.

E per festeggiare il suo gol insieme ad altri due compagni di squadra, il calciatore brasiliano ha pensato bene di riproporre un’esultanza molto famosa, che appartiene a niente di meno che a Cristiano Ronaldo.

Il campione portoghese, che ha osservato la scena dalla panchina, non è sembrato molto felice dell’esibizione del calciatore brasiliano.

Dopo una smorfia di disappunto, ha ricevuto però le scuse da parte di Cesinha, che lo ha aspettato all’ingresso degli spogliatoi per chiedergli scusa per la provocazione, specificando che il suo gesto non era stato compiuto in segno di sfida.

Il video pubblicato su Twitter che riprende l’esultanza di Cesinha e l’espressione di Ronaldo:

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny (39′ Pinsoglio [60′ Buffon]); Cancelo, de Ligt, Rugani (60′ Bonucci), Beruatto (66′ Coccolo); Emre Can (60′ Matuidi), Pjanic (60′ Rabiot), Muratore (72′ Pereira); Bernardeschi, Higuain (70′ Mavididi), Mandzukic. All. Sarri

TEAM K-LEAGUE (4-3-3): Hyeonwoo (46′ Bumkeun); Hongchul (46′ Jinya), Valentinos, Youngsun (46′ Kwangseon), Yong (46′ Jooho); Osmar (66′ Illok), Bitgaram (46′ Mix), Bokyung (46′ Chuyoung); Cesinha, Donggook (46′ Taggart), Eder (46′ Wanderson). All. José Morais

Ammoniti: Cancelo

Da segnalare De Ligt titolare così come Higuain e Mandzukic, mentre nella ripresa numerosi cambi tra cui Rabiot e Gigi Buffon. Ronaldo in panchina assieme a tanti altri big bianconeri.