Zhang ha detto no: Lukaku a 85 milioni di euro non si fa

0
1697

Dalla Cina è arrivata la frenata di Zhang all’operazione Lukaku!

E quanto riferisce Calciomerto.com in questi minuti sul proprio sito internet.

No alle cifre che vuole il Manchester United” si legge sul portale esperto di mercato.

Dunque “85 milioni di euro è una richiesta eccessivamente elevata per la società di viale della Liberazione, che però non chiude definitivamente le porte al centravanti belga, anche perché Antonio Conte si è imposto con decisione anche nel meeting odierno”, scrive CM.

Ora lo scenario in casa nerazzurra si fa davvero cupo, con il mister Antonio Conte che potrebbe davvero riservare colpi di scena.

Scrive ancora Calciomercato.com sul proprio portale web:

O loro due o niente, per il tecnico salentino, che dunque punta i piedi nonostante l’operazione per giungere al centravanti dei Red Devils sia abbastanza complessa”.

E ancora:“Ausilio e Marotta studiano il modo per soddisfare Conte, Zhang e lo United, proponendo una formula che potrebbe prevedere una contropartita tecnica”.

Certamente una strada potrebbe essere quella di mettere sul piatto delle offerte il cartellino del croato Ivan Perisic, defenestrato in diretta Tv da Antonio Conte e per il quale il club inglese stravede già da qualche anno.

Da questa operazione potrebbero infatti arrivare i quattrini (30ML) da sommare poi ai 55 milioni per avere il belga Lukaku.

Antonio Conte,– si legge sempre sul sito di Calciomercato.com – non arretra di un solo centimetro rispetto alle parole pronunciate l’altro giorno in conferenza stampa”.

Ma Zhang è stato altrettanto chiaro: Lukaku a 85 milioni di euro non si fa, in tal caso l’Inter dovrà ricorrere al piano B, quello che Beppe Marotta ha illustrato all’Ansa: un centravanti più giovane da affiancare a un altro più esperto, ovvero Edin Dzeko”.

Questa possibilità però il tecnico nerazzurro non vuole neanche prenderla in considerazione, quindi al momento tutte le trattative vivono una situazione di stallo.

Fonte: Calciomercato.com