Icardi: Spunta il piano diabolico di Paratici per portarlo via dall’Inter in prestito

0
995

Secondo quanto riportato stamane da Repubblica nella propria sezione dedicata al calcio, l’Inter dopo aver fatto oltre 240 milioni d’investimenti, solo nei cartellini di nuovi giocatori, per diventare l’anti-Juve, ha bisogno di liberarsi della zavorra Icardi, i cui costi per tenerlo in rosa sono esorbitanti.

Aspettando gli attaccanti che non ha, Antonio Conte dà forma alla sua Inter.

Paratici, secondo le ultime indiscrezioni, avrebbe in mente di provare l’assalto all’argentino nel corso della fase finale del calciomercato per strappare all’Inter un prestito con diritto o obbligo di riscatto.

Un vero è proprio sgarbo dunque quello che Pratici, diabolicamente si appresta a compiere ai danni della società nerazzurra.

I nerazzurri, infatti, a quel punto potrebbero essere costretti ad accettare l’offerta pur di liberarsi di Maurito e consorte.

Intanto oggi, l’Inter spiega che Mauro Icardi non ha preso parte agli allenamenti collettivi per fare alcuni esercizi individuali.

Il giocatore starebbe infatti seguendo un programma personalizzato di “ricondizionamento atletico”, fra palestra e campo, per recuperare la forma, dopo che la scorsa stagione si è allenato con discontinuità.

Lo scorso febbraio l’Inter gli ha tolto la fascia di capitano, per darla a Samir Handanovic.

Da allora, l’argentino si è assentato da allenamenti e partite per due mesi, lamentano un (certificato) dolore al ginocchio.

Per l’Inter, che lo vuole vendere, il fatto che Icardi debba recuperare la migliore forma fisica potrebbe essere un ulteriore freno, in una situazione già complessa. Altra carta a favore dei potenziali acquirenti.

Ricordiamolo, la scorsa settimana, l’amministratore delegato Beppe Marotta ha chiarito che il giocatore argentino è “fuori dal progetto dell’Inter, come anche Nainggolan”.

Ma se il centrocampista belga allo stadio Cornaredo era regolarmente in campo con in compagni, Icardi invece non c’era.

In ogni caso, pur volendo cederli, l’Inter li ha convocati entrambi nel ritiro estivo, anche per evitare che i due possano fare causa alla società sostenendo di essere discriminati rispetto al gruppo.

Fonte: Repubblica